Salva

Salva

Redazione Centrale

Redazione Centrale

I detenuti della Casa Circondariale di Foggia hanno donato  l'equivalente di circa mille pasti alla Caritas Diocesana di Foggia- Bovino, rinunciando al ritiro del vitto che gli sarebbe spettato nelle giornate del 15 e del 16 agosto 2017. 

Il cibo è stato donato agli ospiti della casa di accoglienza "Santa Maria del Conventino", gestita dalla Caritas di Foggia, che quotidianamente offre il servizio mensa per i poveri.

La protesta, di portata nazionale, ha coinvolto diverse città italiane, i detenuti hanno deciso di aderire allo sciopero della fame per sollecitare il Governo a porre rimedio alle grave carenze strutturali in cui versano le carceri italiane.

La Casa Circondariale di Foggia attualmente ospita circa settecento detenuti, a fronte dei 350 posti disponibili.

 

 


Giovedì 17 il penultimo appuntamento musicale tutto soul

Giovedì 17, penultimo concerto del Mattinata Festival e ultimo appuntamento in Largo Agnuli per il cartellone musicale diretto dal MAD Mall con il patrocinio del Comune di Mattinata.

Nella bellissima piazzetta sotto Palazzo Mantuano, infatti, saliranno due talenti del cosiddetto new soul italiano: Ainè e l'amatissima Serena Brancale.

Ainé, alias Arnaldo Santoro, racconta di sé: “Ho sempre avuto la musica e gli strumenti tra le mani: mio zio cantante, mia mamma cantante fino all’età di 24 anni. Mio nonno grande appassionato di musica, architetto, ma incredibile sassofonista. Posso dire di avere una famiglia molto “Funky”, non hanno mai cercato di “fermarmi”, anzi. Mia madre mi racconta sempre che mi appoggiava le cuffiette sul pancione e sparava a palla Steve Wonder, Prince, Miles Davis, Keith Jarrett, Pino Daniele. A casa mia la prima regola è che non è ammessa brutta musica”.

Una presentazione di tutto rispetto per un giovanissimo talento in ascesa, cantante e musicista già noto per aver calcato i pachi musicali più importati d’Italia e d’Europa, grazie al tour di Gegé Telesforo. Ainè ha l’occasione di studiare a Los Angeles, grazie ad una borsa di studio e gli stimoli statunitensi associati al talento spingono Ainé ad avvicinarsi all’ R&B contemporaneo al soul e all’Hip/Hop, attraverso una grande ricerca musicale. Nella scorsa edizione di Umbria Jazz si aggiudica, come unico cantante uomo tra tanti iscritti da tutta Europa, la prestigiosa borsa di studio al Berkelee College di Boston. Nel 2015 partecipa al Locus Festival e nel 2016 esce il suo primo album ,subito primo in classifica Hip-Hop/R&B iTunes.

Con lui sul palco la giovane e mostruosamente brava Serena Brancale, esplosa a Sanremo 2015, dopo gli studi di jazz. Cantautrice, oltre che polistrumentista ed arrangiatrice, Serena promuove un suo progetto musicale in tutta Italia. Dopo numerose presenze in Festivals e Clubs rinomati, collabora con Michele Torpedine ( storico manager di Bocelli, Zucchero, Giorgia, Il Volo) con il quale sigilla il suo primo lavoro discografico dal titolo “Galleggiare”.

Domenica 27 agosto gran finale del Mattinata Festival con Carolina Bubbico e la sua big band.

 


L'Amministrazione Comunale, la Casa di Riposo "Concetta Masselli" e la Consulta delle Associazioni, in collaborazione con l'Azione Cattolica di San Severo, anche quest'anno, come è noto, hanno promosso sin dall'inizio del mese di agosto l'iniziativa denominata "Incontri d'Agosto". Il successo della scorso anno ha motivato i proponenti a ripetere l'esperienza, chiamandola "Incontri d'Agosto... number two".
Il programma, che si sviluppa in due incontri settimanali, che avvengono il mercoledì e il venerdì, ha mirato e mira al sostegno delle solitudini che da sempre colpisce i ceti sociali più deboli. "Quando la città si svuota - dichiara il Sindaco avv. Francesco Miglio -, è assolata, rovente, ancora di più si percepisce la solitudine e il senso di abbandono. Prendersi cura dell'altro serve alla nostra società per abbandonare la strada dell'assertività' competitiva e individualista, per imboccare quella che genera la comunità e la comunione".
Ormai siamo al clou degli eventi e gli incontri d'agosto number two hanno avuto un ottimo riscontro. Le  presenze numerose, la gioia, l'adesione delle associazioni lo testimoniano per tutti gli incontri finora tenuti.
Unanime riscontro di partecipazione e consensi ha ottenuto il pranzo di ieri, giorno di Ferragosto, solennità dell'Assunta, che si è tenuto alla Casa di Riposo Concetta Masselli di Piazza Allegato, con la valida sinergia tra tutti i  promotori: Consulta delle Associazioni (presidente Linda Rinaldi), Amministrazione Comunale, attraverso l'Assessorato alle Politiche Sociali affidato all'Assessore avv. Simona Venditti, e la stessa Casa di Riposo (Commissario Nada Pennacchia). Tante le partecipazioni, come testimoniamo le immagini fotografiche del pranzo e dell'evento.
"È stato condiviso il programma che ci siamo prefissi - aggiunge l'Assessore Venditi - per entrare nelle spaccature della nostra città insieme. Non ci è mancata la rapidità di esecuzione pur apprezzando il proverbio africano che recita "Se vuoi andare veloce,corri da solo, se vuoi andar lontano, cammina insieme a qualcuno. Possiamo e dobbiamo crescere! Ma abbiamo bisogno di farlo tutti assieme senza protagonismi. Ringrazio tutti i volontari, le associazioni che hanno dato il loro essenziale contribuito e la Casa di Riposo, con tutto il suo staff, per il mirabile esempio dato alla città, donando amore e tempo agli altri! La città di San Severo ha bisogno di ripartire da questo... da chi ha voglia di mettersi in gioco, da chi ha voglia di costruire la comunità partendo dai più deboli, da chi ha voglia di superare i propri limiti unendosi agli altri per creare nuovi orizzonti, da chi sa immaginare una San Severo nuova ed è determinato a realizzarla! Grazie di cuore"
"Quanto si è proposto ed ancora si propone in questi giorni - dice il Presidente della Consulta Linda Rinaldi - è frutto della esperienza pluriennale dell'Associazione "La Casa dei Sogni ", di cui è presidente il dr. Luigi Ariano (referente del progetto e Vice Presidente Antonella De Litteriis) oggi estesa a tutta la comunità della nostra città. Gli incontri avvengono il mercoledì in un locale per consumare uno yogurt, frutta fresca  o frullata, per vivere insieme un momento di famiglia, non nella solitudine delle mura domestiche, ma in un bar simbolo della vita sociale di un paese. Il venerdì l'incontro avviene nella Casa di Riposo "Concetta Masselli" e l 'animazione è a cura delle Associazioni che hanno aderito. Ieri abbiamo vissuto un bellissimo e toccante momento con il pranzo con gli anziani, con tanti ospiti della Caritas, con molti familiari e tanti volontari. La giornata è iniziata con la Santa Messa officiata da don Andrea Pupilla Presidente della Caritas Diocesana, ed è terminata con un momento musicale e di intrattenimento nell'incantevole cornice del chiostro. Grazie a Don Andrea per aver nutrito le nostre anime con le sue meravigliose parole nell'Omelia e grazie anche alle cuoche della Casa di Riposo ed ai volontari per il successivo e succulento pranzo, gradito da tutti".
Un grazie, per tutta l'iniziativa, va indirizzato a: Croce Rossa, Epicentro Giovanile, Ghetto out, Casa  Sankara, Sunterra, Caritas incontri, Auser, Altea, Unitalsi ed altre ancora. Il coordinamento è a cura della Casa dei Sogni. Ricordiamo che il prezioso contributo del volontariato consiste anche in proposte di giochi, canti con fisarmonica, chitarra, danze, balli, in uno scambio intergenerazionale che impreziosisce l'esperienza.


Reduce dalla splendida vittoria in Francia al volante dell’Osella FA 30 Fortech, il pilota del Team Blue City Motorsport è sceso immediatamente a Vigo Rendena in Trentino. Ospite d’onore e testimonial nella 3ª edizione della Biroc’ Race, gara riservata a veicoli artigianali senza motore. Anche il driver della Scuderia Vimotorsport s’è cimentato nella gara in qualità d’apripista.

Il percorso della Biroc’ Race

“Una discesa tortuosa di 700 metri con una pendenza del 12 per cento. Bellissima accoglienza,  dove gli organizzatori m’hanno sorpreso con un mezzo fantastico. Il  Biroc’ con il quale ho fatto da apripista rappresentava il mio casco integrale, perfettamente ricostruito. Davvero bravi ed è stata una giornata all’insegna del divertimento”.

Il 10° appuntamento del Campionato Europeo della Montagna

Dopo lo svago, la partenza immediata per Saint Ursanne, nel nord della Svizzera ad ovest di Basilea ed al confine con la Francia, per affrontare il 10° dei dodici appuntamenti del Campionato Europeo della Montagna.

Il tracciato della corsa svizzera

“Molto veloce. Si parte in mezzo al paese e c’è subito una “esse” molto impegnativa. Quindi si scollina e vi sono un paio di allunghi dove di toccano i 250 chilometri orari. Quindi una curva a sinistra da affrontare quasi in pieno, 5ª o sesta marcia, sotto il viadotto dell’autostrada in un grande anfiteatro naturale affollato dai tifosi. S’affronta poi un tratto misto assai impegnativo nel sottobosco ed a un chilometro circa all’arrivo c’è una insidiosa curva sinistra che chiude seguita da un tornate destro, un allungo di un centinaio di metri per affrontare un tornante sinistro. Alla fine un altro tornante destro per poi transitare sotto il traguardo. La lunghezza è di 5,180 chilometri con una pendenza del 10 per cento. Tre le manche di prova, mentre la gara è di due passaggi”.

La vittoria francese ed 1ncassa 12,5 punti

Dopo aver raccolto metà punti in Francia, nonostante la fantastica vittoria, il driver ufficiale Osella, probabilmente, dovrà scartare l’ultimo risultato.

Il commento post Francia

“Sono contentissimo della nostra performance. Peccato che, a causa dei pochi partenti del mio Gruppo, ho incassato 12,5 punti al posto degli abituali 25. D’ora in poi dovrò pensare esclusivamente a non commettere errori e puntare alla vittoria in Gruppo E2 SS. Mi piace aggiungere che la stupenda vittoria a Côte Du Mont Dore raddoppia di spessore perché l’ho conquistata con il numero 17. Lo stesso che portava in gara Jules Bianchi, pilota di Formula 1, scomparso il 17 luglio 2015. Insomma, una vittoria dedicata al driver di Nizza”.

Il calendario CEM

74ª Course de Côte de Saint Ursanne (Svizzera), 3 settembre - 23ª GHD Ilirska Bistrica (Slovenia), 17 settembre - 36ª Buzetski Dani (Croazia)    

 

 


La prova umbra del Campionato Italiano Velocità Montagna si conferma irrinunciabile e segna l'ennesimo boom di novità, campioni della specialità, auto moderne e storiche (53). Venerdì verifiche e Memorial Barbetti a Davide Valsecchi, sabato prove ufficiali e domenica il clou della gara

Gubbio (PG), 16 agosto 2017. Il 52° Trofeo Luigi Fagioli segna il “pienone” grazie a un elenco iscritti che ha raggiunto quota 266. La lista ufficiale attende ora l'approvazione della federazione, ma il numero di partecipanti raggiunto già rappresenta l'ennesimo risultato di prestigio della cronoscalata umbra, di scena a Gubbio da venerdì 18 a domenica 20 agosto con validità per il Campionato e Trofeo Italiano Velocità Montagna e per altre serie e coppe nazionali, fra le quali la competizione riservata alle sempre affascinanti auto storiche. Attesi dal pubblico di appassionati, turisti e curiosi che assieperanno le tribune naturali dei 4150 metri del tracciato eugubino sono ora gli appuntamenti clou di prove ufficiali e gare con protagoniste tutte le tipologie di auto da corsa. Oltre a ospiti ed esordi del tutto particolari, fra i quali quest'anno quello del già Lotus F1 e campione Gp2 Davide Valsecchi, l'evento conferma numeri e grandi sfide in tutte le categorie: dai Prototipi alle vetture Formula, dalle Silhouette alle Gran Turismo e alle auto Turismo/rally e minicar, mentre sono 53 le “classic car” che competono per la Coppa Città di Gubbio a loro riservata. Oltre a Valsecchi altri personaggi e novità tecniche e sportive animeranno la tre-giorni umbra. Alberto Sabbatini, direttore del mensile “Auto” e già del settimanale da corsa per eccellenza “Autosprint”, parteciperà per la prima volta a un round del CIVM e lo farà con una Mini Cooper, mentre Emiliano Perucca Orfei, pilota/giornalista del sito nazionale Automoto.it sarà per la terza volta consecutiva al Trofeo Fagioli, ma con l'intrigante novità del debutto in salita della Peugeot 308 Racing Cup.

Il boom di iscrizioni premia ancora una volta l'attento lavoro del Comitato Eugubino Corse Automobilistiche, che ha espresso soddisfazione e ringraziamenti per il consenso ricevuto, a conferma che la classica cronoscalata lungo la Gola del Bottaccione resta una delle più amate. E ormai è tutto pronto. La “Montecarlo delle salite” entra nel vivo venerdì 18 agosto con verifiche sportive (15.30-19.30), tecniche (15.45-19.45) e in serata con la consegna del Memorial Barbetti a Valsecchi nell'area del complesso di San Benedetto, quartier generale dell'evento. Sabato 19 agosto alle 10 semaforo verde per le due prove di ricognizione in vista delle due salite di gara, al via domenica 20 agosto dalle 9.30, precedute dalla sfilata di un prestigioso raduno di Ferrari da tutta Italia. Previsto il biglietto unico valido per sabato e domenica a soli 10 euro e la massima logistica per spettatori e piloti con servizio navetta Cotrape ininterrotto dalla zona della biglietteria sul versante di Scheggia a Madonna della Cima (zona arrivo) e varco sempre aperto da Sant'Ubaldo per entrata/uscita dalla città al percorso e alla zona delle nuove tribune del bivio per il santuario.

 


Il pilota sardo della CST Sport arriva a Gubbio per il nono round dell'Italiano Montagna al volante della Norma-Zytek del Team Faggioli: “Motivati al massimo per una delle salite più emozionanti”

Sassari, 16 agosto 2017. Si avvicina la fase clou del Campionato Italiano Velocità Montagna e Omar Magliona scalpita in vista di tornare in gara per il nono round tricolore al 52° Trofeo Luigi Fagioli. La cronoscalata umbra si disputa a Gubbio dal 18 al 20 agosto con numerosi ospiti speciali e grandi sfide attese in ogni categoria. Il campione sardo della scuderia siciliana Cst Sport è reduce dall'annullamento del Trofeo Vallecamonica di fine luglio, dove non ha potuto marcare punti in ottica classifica assoluta e di gruppo E2SC. Per questo il Trofeo Fagioli diventa un appuntamento fondamentale prima delle “finali” del CIVM al volante della Norma M20 Fc Zytek curata dal Team Faggioli e gommata Pirelli, sulla quale il sei volte campione italiano prototipi CN ha conquistato finora un'importante serie di podi e vittorie di gruppo tricolori. Dopo le verifiche di venerdì pomeriggio, con la sportscar “made in France” il driver sassarese affronta sabato 19 agosto dalle 10.00 le due prove ufficiali lungo i 4150 metri del percorso che si snoda lungo la famosa Gola del Bottaccione e poi domenica 20 agosto alle 9.30 gara-1 e a seguire gara-2, con l'intento di consolidare la leadership di categoria e di collezionare punti pesanti per la generale.

Magliona dichiara in partenza per la salita umbra: “Anche per motivi personali tengo sempre in maniera particolare all'appuntamento di Gubbio. Dopo l'annullamento della Malegno-Borno il cammino in CIVM è diventato particolarmente complicato, ma abbiamo tutte le motivazioni necessarie per fare bene in una delle salite più emozionanti, dove anche la minima sbavatura compromette il risultato cronometrico. In più dobbiamo verificare quanto non abbiamo potuto verificare proprio in Valcamonica, sperando di utilizzare al meglio la giornata di prove, dalla quale dipenderanno le soluzioni e la strategia per la gara. Ci sono poi delle incognite sulla variabilità delle temperature massime, fattore mai così cruciale come quest'anno e insieme alla squadra dovremo constatare la resa delle scelte e di alcuni dettagli del nostro pacchetto. Al di là dei calcoli delle classifiche, l'obiettivo è continuare a progredire dopo quanto di positivo mostrato finora in una stagione complessa ma competitiva e davvero avvincente”.

 


Avrà luogo venerdì 18 agosto 2017, alle ore 19, presso la storica sede del Partito Democratico “Giorgio La Pira” in Corso Manfredi 55, l’intitolazione del circolo dei Giovani Democratici di Manfredonia alla memoria di Iolanda Lovecchio (N. 27-04-1985, M. 15-12-2014). Compagna di partito, ma prima moglie e madre. Segretaria dei Giovani Democratici di Santeramo in Colle (BA), molto attiva nella sua comunità è prematuramente scomparsa il 15 dicembre 2014 a causa di un tragico incidente stradale. Mentre si stava recando sul posto di lavoro pare abbia perso il controllo del mezzo, andando ad impattare frontalmente contro un camion. Inutile la sterzata del conducente del mezzo pesante che è finito in un terreno adiacente alla strada. L’asfalto viscido a causa dell’umidità e la nebbia potrebbero esser tra le cause dello slittamento dell’auto. Il veicolo della ragazza si è trasformato in pochi istanti in un cartoccio, nulla si è potuto fare per la 29enne che ha lasciato un vuoto incolmabile nella sua famiglia e nella sua comunità È necessario, come Giovani Democratici, tener vivo il ricordo dell’impegno, dell’umiltà, della passione e della dedizione politica. Non tutti i giovani la conoscevano, ma dedicare il Circolo a lei vuol dire ricordarla, portando avanti la passione ed i valori di chi auspica un mondo migliore e più giusto, “Chi ha compagni non muore mai”. A fare gli onori di casa ci saranno il Segretario cittadino dei GD Marcello Castigliego ed il Segretario cittadino del PD Giuseppe Trotta, porteranno un saluto il Segretario dei GD di Capitanata Luca Grieco ed il Segretario dei GD Puglia Francesco Di Noia. Interverranno anche Donato Fiorentino esponente del PD di Santeramo in Colle (BA) e Michele Masulli Presidente Nazionale dei Giovani Democratici. La cittadinanza è invitata.


In occasione della solennità dell’Assunzione di Maria, data in cui si festeggia anche la Madonna di Devia, propongo un paio di riflessioni sul libro “Gli affreschi della chiesa di S. Maria di Devia” del Dott. Mag. Gianclaudio Petrucci.

La prima considerazione è proprio questa: oggi la Madonna di Devia viene celebrata il 15 agosto, e si ritiene sia sempre stato così da secoli. Invece questo libro ha svelato un’altra realtà: nei secoli passati la festa avveniva nella II domenica di Pasqua (domenica in albis), fino agli inizi del Novecento, poi nuove disposizioni ecclesiastiche hanno spostato la ricorrenza al giorno di Ferragosto. Una curiosità che non conoscevo, ben nascosta tra i manoscritti scovati da Petrucci.

Un’altra piacevole scoperta è che il primo ad interessarsi della chiesa e dell'abitato di Devia è stato un mio conterraneo, il sanseverese Prof. Vittorio Russi: fu lui a «mettere ordine» nelle congetture topografiche a quel tempo più accreditate. Si riteneva che i resti di Monte d'Elio appartenevano al villaggio di Mileto, mentre Russi fu il primo a leggere in quelle rovine le tracce di Devia. E fu sempre lui a segnalare al Ministero la presenza della chiesa di S. Maria, ridotta a un rudere, e dei suoi affreschi. Petrucci ricostruisce abilmente questi fatti, e restituisce a Russi il merito di aver salvato dall'oblio l'intero sito.

Mi piace conoscere la storia della Daunia, ho letto altri libri sulla chiesa e sulla città di Devia, ma questa è la monografia più completa finora pubblicata: è un saggio di piacevole lettura, ben strutturato e ben scritto, con ricostruzioni storiche chiare, spiegazioni precise dei dipinti, e completo di tutto (fotografie storiche, recenti e documenti inediti). Sono convinto che resterà il libro di riferimento su Devia per molti anni ancora: dovrebbe essere nella biblioteca di ogni sannicandrese e di tutti gli uomini e le donne di cultura di Capitanata.

Un'ultima, amara riflessione, voglio farla sul capitolo «Presente e futuro»: Petrucci lamenta una situazione precaria e di abbandono, e indica alcune possibili soluzioni. E ha assolutamente ragione. I suoi suggerimenti vanno nella giusta direzione, e non potrebbe essere altrimenti visti i suoi studi specifici, e l’intima conoscenza di quei luoghi avendo curato visite guidate gratuite per molto tempo. Ma a distanza di due anni (il libro è stato pubblicato nel 2015), nessuno ha ascoltato le sue parole e la situazione non è migliorata, anzi se è possibile è pure peggiorata.
Frequento il sito di Monte d'Elio da decenni, con i miei cari e amici di famiglia, e ho assistito a diverse fasi: le tante negative e i pochi sforzi di recupero, tutti falliti. Mi sono sempre chiesto quali potessero essere le ragioni di tanto disinteresse, ma non sono ancora riuscito a spiegarmelo.

Faccio appello ai sannicandresi e a tutti i garganici, affinché si riapproprino di quel luogo, che è pubblico e giammai dovrà diventare privato, e lo difendano da degenerazioni con sbocchi incerti: insomma leggete Petrucci e dategli retta!

F. Giuliani

 


“Il bene è culturale”, dal 17 al 19 agosto la tappa estiva della XIII edizione di FestambienteSud. Concerti, libri, dibattiti e visite guidate nel centro storico e in Foresta Umbra, per celebrare il nuovo sito Unesco.

Apre FestambienteSud 2017 con una conferenza sul tema dei Beni culturali immateriali, l’inaugurazione della mostra dell’artista Fidelia Clemente, una visita guidata al Museo Tancredi e alla Chiesa di Santo Stefano e tre concerti tra reggae e ska, con Rhomanife, M.organ D e il londinese King Hammond & The Rude Boy Mafia. Tra gli ospiti al dibattito oltre ai rappresentanti delle istituzioni anche l’antropologa Laura Marchetti. Per King Hammond questa di FestambienteSud rappresenta data unica per l’Italia del suo tour. Vincitore di un Grammy Awards, Hammond, al secolo Nick Welsh, ha vissuto da protagonista le esperienze più significative della storia dello Ska europeo.

All’apertura ufficiale, in programma alle ore 19.30 in piazza De Galganis. Interverranno: Vanessa PALLUCCHI, segreteria nazionale di Legambiente, Claudio COSTANZUCCI PAOLINO, vicepresidente del Parco Nazionale del Gargano e Pasquale COCCIA, membro giunta esecutiva. Pierpaolo D'ARIENZO, Sindaco di Monte Sant'Angelo. Francesco Di Palma, dirigente dell’ISS Giordani. Raffaele NIRO, direttore di Junno. Piccolo Festival del Rione.

A seguire Franco SALCUNI, direttore di FestambienteSud, intervista Laura MARCHETTI, antropologa, docente di Didattica generale e di Didattica delle culture all'Università degli Studi di Foggia su: "Il Patrimonio culturale Immateriale. Le fiabe e il racconto popolare verso il riconoscimento UNESCO.

Poi inaugurazione della mostra PAINTING CARE di Fidelia CLEMENTE (visitabile su via Gambadoro)

Programma  di Giovedì 17 agosto

Ore 16.30 – Visita guidata al Museo Tancredi e alla chiesa di Santo Stefano

Ore 17.30 – Largo Totila - Junno. Piccolo Festival del Rione
Presentazione del libro ECONOMIA DECENTE di Francesco Maggio
Reading musicale AMORE CHE VIENI, AMORE CHE VAI con Emilia Di Padova e Antonio Riccardo

Ore 19.30 - Piazza De Galganis – Conferenza
IL PATRIMONIO CULTURALE IMMATERIALE. Le fiabe e il racconto popolare verso il riconoscimento UNESCO
segue inaugurazione di PAINTING CARE mostra di Fidelia Clemente (nei tre giorni in via Gambadoro)

Ore 21 – Piazza De Galganis - Junno. Piccolo Festival del Rione
CONCERTO SOLO PIANO di Carmine Padula

Ore 22.00 – Largo Dauno – Concerti
RHOMANIFE / KING HAMMOND & THE RUDE BOY MAFIA

Partendo dal richiamo biblico della cultura reggae, i Rhomanife, dal Rione Libertà di Bari, diffondono in pura musica il proprio convinto messaggio di fede, lontani dalle istituzioni religiose ufficiali e vicini a tutti i gli esseri umani che credono nei valori dell’amore e della pace

King Hammond è nome d’arte di Nick Welsh, artista reggae e ska londinese  vincitore di un Grammy Award nel 2002. Inizia la sua carriera artistica negli anni ‘80. Membro dei  Bad Manners e successivamente dei Selecter, ha poi proseguito il suo percorso da solista con numerose produzioni e successi.

Ore 23.30 – Chiostro delle Clarisse – Intorno alla mezzanotte
M.ORGAN D meets the souls (selecta/session live)

TUTTI GLI EVENTI SI REALIZZERANNO NEL CENTRO STORICO DI MONTE SANT’ANGELO E SONO GRATUITI

IL PROGRAMMA COMPLETO DELLA TRE GIORNI http://festambientesud.it/bene-culturale-dal-17-al-19-agosto-la-tappa-estiva-della-xiii-edizione-festambientesud/

LA XIII EDIZIONE DI FESTAMBIENTESUD

A Monte Sant’Angelo, ormai sede di ben due siti Unesco, torna FestambienteSud, il festival di Legambiente per il Sud Italia. Per la sua tredicesima edizione, intitolata “Il bene è culturale”, si sdoppia l’evento diventato uno dei più importanti in Capitanata e Puglia. Sono due le tappe in programma: la prima, dal 17 al 19 agosto, è la Festa nel centro storico di Monte Sant’Angelo e in Foresta Umbra; mentre dal 7 al 10 dicembre spazio alla prestigiosa rassegna jazz a cura di uno tra i più grandi trombettisti internazionali, Paolo Fresu, che rinnovando la sinergia con Legambiente FestambienteSud tornerà come direttore artistico. Infine, nel periodo natalizio, tornerà il Teatro Civile Festival.

Il ricco programma della tre giorni agostana (allegato) prevede la realizzazione di tre conferenze pubbliche a tema beni culturali, una mostra dell’artista Fidelia Clemente, quattro visite guidate al patrimonio UNESCO del territorio di Monte Sant’Angelo, un’iniziativa di rigenerazione urbana con la street art, tre nottate “attorno alla mezzanotte” nel chiostro delle Clarisse e sarà impreziosita da otto concerti musicali con Rhomanife, King Hammond & The Rude Boy Mafia, Leda Battisti, Dissidio, Dj Argento con Don Diegoh, Francesco Paura e Kiave, Coquette Band, M.organ D e da un imperdibile concerto del trombonista Gianluca Petrella in Foresta Umbra, tra le faggete vetuste appena entrate a far parte del patrimonio mondiale dell’umanità, occasione per celebrare e conoscere questo trionfo della nostra natura. La tre giorni, inoltre, intreccia il programma con “Junno. Piccolo Festival del Rione”, evento dedicato alla letteratura e diretto dal poeta Raffaele Niro, di cui nel nostro programma trovate le numerose iniziative.

«Abbiamo scelto “Il bene è culturale” come titolo per il programma di eventi che da agosto a dicembre comporrà la programmazione della XIII edizione di FestambienteSud, dedicata alla cultura e al patrimonio culturale - spiega Franco Salcuni, direttore del festival e presidente del circolo Legambiente di Monte Sant’Angelo -. “Senza cultura ci sono solo violenza e la guerra di tutti contro tutti. Solo la cultura costruisce le regole di convivenza pacifica fondate sulla relazione e sul rispetto dei diritti e dei valori condivisi dai membri di una stessa comunità e tra comunità diverse. La salvaguardia del patrimonio culturale non si limita al “campanile”, che vanta come unica e superiore solo la propria identità, ma si apre alla relazione tra culture fondando le idee di accoglienza, interdipendenza e contaminazione».

«FestambienteSud ha il pregio di puntare sulla cultura, di valorizzare un borgo come Monte Sant’Angelo che attira già un gran numero di visitatori e di turisti, ma che con questo evento diventa ancora più attrattivo – commenta l’Assessore regionale all’industria del Turismo e della Cultura, Loredana Capone - Il pregio della manifestazione,  che ha un cartellone di iniziative che si dipana da agosto a dicembre, sta anche nel fatto che, in linea con la strategia del piano Strategico Puglia365, punta sulla cultura e sui borghi dell’entroterra pugliese per poter allungare la stagione turistica. Plaudo all’iniziativa. Il Gargano e i Monti Dauni sono al centro di un risveglio di iniziative che riguardano turismo e cultura e questo non può essere che positivo per tutta la Capitanata».

«Siamo lieti di aver rafforzato la partnership con FestambienteSud – così il vice presidente del Parco Nazionale del Gargano Claudio Costanzucci Paolino – una manifestazione che attraverso proposte artistico-culturali di grande qualità e di respiro internazionale, promuove da anni una ricomposizione significativa della dicotomia natura-cultura. Il recente riconoscimento che l’UNESCO ha assegnato alle faggete vetuste della Foresta Umbra ne rappresenta l’esempio più alto: un bene ambientale di straordinario valore naturalistico ed estetico, che assurge a patrimonio culturale mondiale da preservare, richiamando quindi noi tutti alla responsabilità etica. Conoscenza, etica ed estetica sono le cifre che caratterizzano da sempre la nostra esistenza; averli intrecciati ed intersecati in chiave ambientalista nelle diverse edizioni, dà un valore aggiunto alla rassegna montanara, facendola diventare uno degli eventi che dà maggiore visibilità al patrimonio culturale ed ambientale del nostro meraviglioso Gargano».

FestambienteSud rappresenta ormai uno degli appuntamenti più attesi del calendario estivo non solo di Monte Sant’Angelo – ribadisce il sindaco di Monte Sant’Angelo Pierpaolo d’Arienzo –. Quest’anno il tema “Il bene è culturale” prelude al grande evento “Matera 2019” che coinvolgerà l’Italia intera e, in particolare il nostro Sud. Parlare di cultura significa contribuire alla costruzione di una comunità basata su nuovi modelli di vita e di sviluppo economico. La spettacolare location del centro storico, che avvolge la Basilica di San Michele Arcangelo, Patrimonio Mondiale dell’Umanità, arricchisce ulteriormente l’iniziativa rendendola unica nel suo genere e punto di riferimento di tutta l’offerta culturale pugliese.

FestambienteSud 2017 al momento gode del sostegno di Regione Puglia, Parco Nazionale del Gargano e Comune di Monte Sant’Angelo.

Tutti gli eventi del 17, 18 e 19 agosto sono ad ingresso libero.

 


n altro incendio da alcune ore sta interessando la zona alta di Manfredonia, la Frazione Montagna dove insistono diverse abitazioni rurali, strutture ricettive e masserie. Le fiamme stanno distruggendo terreni adibiti a pascolo e macchia mediterranea. Sul posto i volontari della Protezione civile, Vigili del Fuoco e Carabinieri Forestali. Al momento nessun disagio alla popolazione della borgata.

 

 


Pagina 1 di 243