Salva

Salva

La statuaria. I sammicalere

Published in Culto Micaelico Written by  Giuseppe Piemontese Maggio 03 2017 font size decrease font size increase font size
Rate this item
(0 votes)

La storia della statuaria garganica è un altro dei capitoli importanti della religiosità popolare meridionale. Essa affonda le proprie radici nello stesso culto delle “pietre”, antico quanto l’uomo, ma sempre vitale per il suo significato semantico e simbolico. La pietra è il simbolo della Terra-madre e quindi della stessa vita. Inoltre, essa è anche il simbolo della saggezza e della “costruzione” e come tale venne utilizzata nell’Alto Medioevo come elemento su cui costruire chiese e santuari. Conosciutissima è la vicenda della fondazione del santuario di Mont Saint Michele in Normandia, avvenuta nell’VIII secolo ad opera del vescovo Oberto di Avranches, il quale si recò sul Monte Gargano per prelevare frammenti di roccia del santuario di S. Michele e fondarvi il nuovo santuario dedicato a S. Mchel au pèril du la mer. Nella stessa simbologia si inserisce il culto delle “pietre” della “Cava” di S. Michele garganico, in seguito alla quarta apparizione dell’Arcangelo Michele   all’Arcivescovo Puccinelli, in riferimento alla diffusione della peste del 1656. Da allora, infatti, nacque il motto:

UBI SAXA DEVOTE REPONENTUR IBI PESTE DE HOMINIBUS IN SPELLENTUR.

(Dove con devozione si porranno le pietre, di lì si allontanerà la peste dagli uomini),

frase che deve essere messa in collegamento con quella più antica:

UBI SAXA PANDUNTUR IBI PECCATA HOMINUM DIMITTUNTUR

(Dove si allarga la roccia, là i peccati potranno essere rimessi).

Ma le pietre di S. Michele, oltre ad essere utilizzate per la costruzione di chiese e santuari e per preservare gli uomini da malattie, le troviamo anche in funzione di protezione e salvaguardia delle case e contro il malocchio. Infatti, fino a non molto tempo fa, era ancora viva l’usanza di seppellire nelle fondamenta delle case pietre di S. Michele. A ciò bisogna aggiungere l’usanza di decorare le facciate delle case di piccole edicole con l’immagine di S. Michele Arcangelo: un carattere distintivo di devozione e di fede nell’Arcangelo Michele, quale segno di protezione e di salvaguardia da ogni male, compresi i terremoti così frequenti sul Gargano.

Il culto delle pietre si manifesta, tuttavia,in tutta la sua devozione, nella statuaria locale e nella sua diffusione in tutto il mondo. Essa ha una tradizione molto antica, risalente al XV secolo, allorquando il re Ferrante emanò, nel 1475, un Real Privilegio col quale si dava facoltà ai soli scultori di Monte S. Angelo (i Sammicalere) di scolpire l’immagine di S. Michele in tutto il reame (CIUFFREDA, 1989, p. 218). Questa prerogativa, che è anche perizia tecnica ed artistica, è stata tramandata da padre in figlio attraverso vere e proprie botteghe artigianali, risalenti a famiglie ben note di Sammicalere, fra cui citiamo i Di Iasio, i Perla, i Bisceglia e, oggi, i Renzulli.

Il Tancredi ricorda che le statue di S. Michele si vendevano a migliaia, specie nel mese di maggio, durante il famoso pellegrinaggio e che gli oggetti erano lavorati dagli statuari detti Sammicaleri, nell’atrio stesso della Reale Basilica (TANCREDI, 1943, p. 40). Le statue erano generalmente di pietra locale o di alabastro di Carrara, come si legge in De Filippo: “Gli statuari estraevano “la pietra gentile” da due cave situate l’una, la Tufèra Ròsse, completamente distrutta dalle nuove palazzine in costruzione, a pochi passi dall’abitato, sulla strada Monte S. Angelo-Manfredonia; l’altra su quella per Mattinata, nei pressi di Sellino Cavola. Tra i due tipi di pietra i Sammecalérè preferivano lavorare il massello della Tufèra Ròsse perché aveva “una fibra ed una compattezza maggiore” ed era più resistente alle intemperie. Una pietra pregiata, molto ricercata e difficile da trovare in blocchi consistenti, era inoltre la prèta turchenédde che si trovava solo a Narciso, una località impervia e di difficile accesso, situata lungo la valle Carbonara. Essa aveva una colorazione che virava al turchese col passar del tempo e che dava al S. Michele un fascino, una bellezza particolare ed un valore inestimabile (DE FILIPPO, 1989, p. 98).

Le statue che si scolpivano a Monte S. Angelo erano oggetto di esportazione in tutto il mondo cristiano, tanto che era un privilegio possedere una statua di S. Michele di Monte. Al tempo dell’arcivescovo Puccinelli (1657), numerose statue dell’Arcange- lo Michele furono inviate in diverse chiese d’Italia ed esposte al pubblico in segno di devozione e di protezione contro la peste. Una di queste è la statua di S. Michele spedita, nel 1658, da Monte S. Angelo a Lucca ed esposta sulla facciata esterna della basilica di S. Michele in Foro. Così pure la statua spedita dallo stesso Arc. Puccinelli nella città di Lucerna, in Svizzera, rattristata anche essa, nel 1659, dalla peste. Ma numerose altre raggiunsero le città di Vico, Peschici, Vieste, Manfredonia, San Severo, Lucera, Napoli e Messina (AZZARONE, 1991, pp. 97-136).

Il modello classico della statuaria locale era quello sansoviniano: un San Michele in atteggiamento guerriero, con spada e scudo fiammeggianti, con l’immagine del diavolo sotto i piedi. Generalmente il viso era scolpito con tratti ieratici, ed esprimeva fiducia e protezione. Mai vi si scorgevano vendetta o violenza gestuale. “L’arte della statuari micaelica, afferma il Sansone, si è continuata fino ad oggi, con una parabola discendente proporzionata alle richieste pubbliche e private e all’affievolirsi di un uso locale che un tempo (sino alla fine del secolo scorso e all’inizio del nostro) doveva essere diffusissimo e quasi imprescindibile, allorché la figura scolpita e/o dipinta di San Michele era presente in tutta la vita domestica e cittadina” (SANSONE, 1991, pp. 152-154).

Quest’arte, quindi, è un altro grande capitolo della religiosità popolare garganica, testimone di un’antica tradizione d’arte e di perizia tecnica, che merita di essere studiata nella sua organicità ed approfondita nei suoi giusti significati iconologici ed iconografici.

 

Read 782 times

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

L'Angolo di Mimì Palena