Salva

Salva

Il prof. Giuseppe Piemontese offre all’amministrazione comunale le sue pubblicazioni per la bit di Milano e il tourisma di Firenze

Published in Anima dei luoghi Written by  Febbraio 12 2018 font size decrease font size increase font size
Rate this item
(0 votes)

Oggi la cultura si deve esportare nel mondo,affinché si possa far conoscere il patrimonio storico-culturale di una città, quale è quello di Monte Sant’Angelo. Un atto di grande rilevanza culturale, in quanto presuppone una presa di coscienza, non solo da parte della Città, ma soprattutto di quanti vivono altre realtà e altre identità. Per questo l’Amministrazione Comunale di Monte Sant’Angelo, attraverso il Sindaco, Pierpaolo d’Arienzo e l’Assessore alla Cultura e al Turismo, la Prof.ssa Rosa Palomba, oggi, vuole far conoscere al mondo la valenza storico-artistica della nostra Città, che è stata insignita di ben due Siti UNESCO, quello riguardante la presenza longobarda in terra meridionale e quello riguardante la presenza delle faggete nella Foresta Umbra.

Le pubblicazioni del Prof. Giuseppe Piemontese, giustamente, si rifanno alla cultura del Gargano, ma soprattutto alla diffusione del culto micaelico in Italia e in Europae allo sviluppo della Via Micaelica, da cui scaturirà, lungo gli itinerari sacri, l’unità politica e culturale dell’Europa intera. Pubblicazioni come San Michele e il suo Santuario. Via Sacra Langobardorum(1997); Le vie dell’Angelo. Itinerari per la Terra Santa, Il Gargano, Roma e Santiago di Compostella (1999); La Via Sacra dei Longobardi. Alle radici cristiane dell’Europa  (2008); Società, Economia e Cultura materiale del Gargano dalle origini all’età contemporanea (2009); L’anima dei luoghi. Dalla globalizzazione allo sviluppo locale,(2013);  e ultimamente La Pacchianella. Storia Folklore Musica Canti Costumi Personaggi (2017); Monte Sant’Angelo nelle Cartoline e Foto d’Epoca (2017), che ormai fanno parte della cultura garganica e che costituiscono la base per approfondire l’importanza del culto micaelico nel mondo e quindi  lo sviluppo degli itinerari lungo la Via Francigena del Sud, un tempo conosciuta come  Via Sacra Langobardorum.Studi e ricerche che vanno a completare l’insieme della cultura garganica, in rapporto con la sua storia feudale e moderna, in un processo di sviluppo locale, visto, oggi più che mai,  in correlazione con il fenomeno della globalizzazione della cultura e del turismo in generale.

Sarà certamente, da parte del Sindaco e dell’Assessore Rosa Palomba,  un intenso tour di promozione per Monte Sant’Angelo, che vedrà  la loro presenza,lunedì 12 Febbraio, alla BIT (Borsa Internazionale del Turismo) di Milano e poial Tourisma di Firenze, per presentare il nuovo progetto: “Monte Sant’Angelo, la Città dei due Siti UNESCO”.  Successivamente, martedì 13 Febbraio, a Nova Milanese, per l’incontro con la comunità montanara e il sindaco Rosaria Longoni e, quindi, mercoledì 14,  l’incontro all’Abbazia della Sacra di San Michele in Val di Susa, la cui origine è legata strettamente al nostro Santuario. Afferma a tale proposito il Sindaco d’Arienzo: “È il nostro Arcangelo Michele ad unire le nostre comunità, spiritualmente e culturalmente, lungo la Via Micaelica e tali incontri serviranno a  creare sinergie utili a promuovere un percorso, non solo europeo, che guarda alla Normandia, ma anche alla Terra Santa, in nome dell’amicizia dei popoli e della cultura che supera ogni limite imposto dalla politica”.

Read 207 times Last modified on Last modified on Febbraio 12 2018

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Fototeca a cura di Arcangelo Palumbo

0001.jpg