Salva

Salva

Mimì Palena in ’Ndla putéje

Palena Domenico Written by  Mercoledì, 22 Febbraio 2017 08:57 font size decrease font size increase font size
Rate this item
(0 votes)

DOMENICO PALENA, cultore delle tradizioni popolari del Gargano, con le sue opere in cuoio, in pietra, in legno, ma soprattutto con le sue poesie vernacolari e i suoi racconti popolari, ci riporta verso una tradizione artigianale di grande qualità artistica e di grande valenza culturale, scavando nel suo essere di uomo partecipe alla vita sociale della sua città, ma soprattutto della sua gente, da cui trae ispirazione e ragion d’essere. Un poeta-artigiano che non finisce mai di stupire chi lo incontra, ma soprattutto chi interloquisce con lui. Un uomo legato alla sua terra, ma soprattutto alle sue tradizioni, le cui radici si qualificano attraverso la rievocazione del sacro e del profano, della ritualità legata al pellegrinaggio, ma soprattutto alla rievocazione del mondo contadino e popolare, da cui trae ispirazione per le sue opere poetiche, con quell’afflato emotivo e rievocativo che solo un poeta-artigiano come lui, vissuto per anni nel Rione Junno, sa cogliere l’anima del luogo, i suoi segreti più reconditi, le sue tante storie legate ai miti e alle leggende, ma soprattutto al ricco patrimonio culturale delle nostre tradizioni popolari.

Poesia ’Ndla putéje.

Sule, ’ndla putéje,

me mécche a penzé

allu passéte.

Quédde

ch’èje cumbunéte,

e che tutte

amme passéte:

wèrre e féme

jèrene a purtète de méne.

Che chiangève

e che rerève,

jére wèrre

e lu ricche apprufettève.

Che vestute

e che allanute,

che sazeje

e che desciune,

jèvene pe tutte delure.

Che mutuléte

e che sutturréte,

tutte vestute néreje,

nu lutte generale.

La wèrre, nenn’ére

schitte

pe che cumpattève,

ma, pure pe che

alla chése stève.

Nuje wagnune

li facèume de tutte li clure

pure de ’nge sté

desciune.

Canuscèume l’èreve

cume li pècure:

ruspulidde, vareve de crépe

cecèvete e pénefèrre

e la trippe

ce l’anghièume

Che ce lu pó scurdè

quédde c’amme passéte!

 

Facebook Monte Sant'Angelo da Fotografare

Fototeca a cura di Arcangelo Palumbo

cavsasada.jpg