Salva

Salva

Calcio ASD Foggia Incedit 1957 Ufficio Stampa & Comunicazione Nico Baratta

Published in Altri Sport Written by  Marzo 12 2018 font size decrease font size increase font size
Rate this item
(0 votes)

Non si arresta il dominio Incedit nel campionato di Seconda Categoria. Questa volta a farne le spese sono i baresi dell’ASD Puglia Sport Altamura. Sul campo di casa, al Don Uva di Foggia, “I Canarini di Foggia” del Foggia Incedit si sono nettamente imposti per 3 a 0. Goal di Prencipe al 20’ del primo tempo, e doppietta di Daniele Tucci, capocannoniere della copetizione con 15 reti. Con questa vittoria i ragazzi allenati da Mister Enrico La Salandra si portano a 50 punti in classifica, mantenendo costante il divario  a 12 punti dalla seconda. Un vittoria che consolidizza l’ottima forma della formazione foggiana, seconda squadra della città di Foggia e purtroppo ancora senza un campo di gioco, che porta a sedici le prestazioni positive, quindici vinte e una pareggiata. Sugli spalti molti tifosi dell’Incedit che hanno sostenuto i ragazzi, una gradinata, questa volta, piena. La partita era valevole la ventunesima giornata, ottava del girone di ritorno, del campionato di calcio dilettantistico di Seconda Categoria, girone A, Puglia, diretta dal sig. Francesco Pio Sarcina della sezione di Barletta.

Il Primo tempo ha visto le due compagini affrontarsi a viso aperto, senza risparminandosi, sia sul gioco, sia sui contrasti. In campo l’Incedit è sceca con la casacca gialla, mentre l’Altamura con quella bianco-blu. Quaranticinque minuti più quattro di recupero a fasi alterne, che hanno sortito non pochi falli e nervosismo in campo. Il gioco è stato prevalentemente sottotono per i padroni di casa, orfani del fantasista Bruno Sasà Salvatore fermo per squalifica. Al 20’ c’è la svolta. Sugli sviluppi di un’azione che ha visto il pallone conteso tra le due formazioni, rimbalza nella zona controllata da Prencipe, che con un tocco all’indietro se l’aggiusta e al volo da fuori area sfodera un magistrale destro che s’insacca nell’angolino alle spalle dell’estremo difensore ospite. Foggia Incedit 1 – Puglia Spor Altamura 0. Il nerovosismo aumenta e gioca la sua subdola carta. Il Foggia Incedit rimane in dieci (al 24’) per l’espulsione di Azzarone per doppia ammonizione. L’Altamura comprende che potrebbe essere il suo asso nella manica e cerca di avanzare nel gioco. Ma i Canarini sfatano ogni loro velleità di contropiede, neutralizzando palloni che non hanno impesierito D’Elia. Gli ospiti, comunque, accusano il colpo ma son determinati a riagguantarlo. Il Foggia si difende egregiamente e fa chiudere la prima metà di gioco in vantaggio.

Secondo tempo più brioso dell’Incedit che da subito intuisce che può chiudere la partita. Non si fa distrarre dal nervosismo che nel primo tempo li ha condizionati e così i ragazzi di Mister La Salandra, palla incollata ai piedi, gestiscono ogni giocata, sfoderando tecnica, triangolazioni, lanci, che permettono di impensierire molte volte il portiere avversario. Al 53’, otto minuti dal fischio del sig. Sarcina, è Tucci a siglare la seconda rete. Sugli sviluppi di una punizione dal limite a favore dei Canarini, la palla finisce nell’area piccola e Tucci con l’interno destro a girare la deposita alle spalle del portiere. Foggia Incedit 2 – Puglia Spor Altamura 0. L’Altamura cinque minuti dopo ottiene una punizione dal limite, batte a rete ma Spider Man D’Elia plasticamente neutralizza a terra il pallone. Un minuto dopo contropiede dell’Incedit, l’occasione è di quelle irripetibili perché Prencipe è lanciato tutto solo verso la porta avversaria, battendo in controbbatuta la palla. Il portiere respinge e Tucci s’avventa sul pallone ma batte in corsa, facendo terminare la sfera fuori. Il gioco continua con un netto possesso palla dei foggiani, seppur giocando al di sotto delle loro capaictà. L’assenza di Bruno si fa sentire per fantasia e gestione del pallone a centrocampo. Ma gli undici Canarini in campo si chiamano con passaggi ben studiati e affondano nell’area avversaria. Al 73’ potrebbero infliggere il terzo sigillo. Amoroso riceve al volo la palla, è marcato, e con una giocata volante di spalle agli avversari si smarca e tira a rete, sfiorando il centro. Peccato, sarebbe stata una rete magistrale. Il Puglia Sport Altamura ci crede ancora, seppur il suo possesso palla è limitato. Al 75’ si procura un penalty dubbio. Battono dal dischetto ma la palla vola alta oltre l’incrocio dei pali. Goal magiato, goal fatto, la dura legge del calcio. Dalla battuta dal fondo di D’Elia il pallone va diritto nell’area di rigore avversaria. Tucci è la e viene servito solo innanzi al portiere che non può nulla sulla conclusione del bomber, che freddamente lo supera e segna. Foggia Incedit 3 – Puglia Spor Altamura 0. Mancano poco più di quindici minuti alla fine e il Foggia Incedit potrebbe affondare il Puglia Sport Altamura con un poker. La stanchezza si fa sentire e la fortuna degli avverasari pare assistergli. Il sig. Francesco Pio Sarcina fischia al 90’ ed il Foggia Incedit vola a 50 punti.

«Sono dei bravi ragazzi, innamorati del calcio e preparati tecnicamente da un Mister tenace e bravo –ha affermato a termine partita il Presidente del Foggia Incedit, il dott. Oronzo Orlando-. Ad inizio campionato siamo partiti senza sogni nel cassetto. Poi abbiamo iniziato a sognare, ed ora quei sogni stanno diventando realtà. La nostra mission è crescere, vincere naturalmente, ma soprattuto continuare con un gruppo che dello sport ne fa un valore, non solo un gioco. Tutti i componenti della società stanno contribuendo positivamente e con grande passione e professionalità alla mission che ci siamo imposti. Siamo impeganti nel sociale e ciò ci differenzia perché i ragazzi che la domenica scendono in campo portano con se questo valore, che li completa e gli da forza. Lo stesso è per i dirigenti, il settore tecnico e comunicativo. Questo è il calcio per noi: sport formativo, educativo, aggregativo – ha concluso il Presidente».

Domenica prossima, 18 marzo 2018, il Foggia Incedit sarà impeganto fuori casa contro il GS Troia, già battuto 2 a 1 all’andata. Ovviamente non sarà una partita da sottovalutare perché battere la capolista è l’onore per ogni formazione. Vincendo a Troia e solo pareggiando la prossima in casa, 25 p.v., contro la Gioventù Calcio Cerignola la classifica siglerebbe matematicamente con tre giornate d’anticipo la vittoria del campionato e naturalmente la promozione in Prima Categoria. Ma andiamo cauti; pensar di domenica in domenica ripaga, come sta avvenendo da ben sedici giornate di fila.

La società dell’ASD Calcio Foggia Incedit, come sempre perché ci crede e sa apprezzare il lavoro altrui e di squadra, ringrazia i tifosi, quei ragazzi fedelissimi innamorati del Foggia Incedit. E come si fa sempre, dovutamente e con grande riconoscena e stima, si ringraziano i tifosi, importante tassello aggregativo e di sprone: loro sono per il Foggia Incedit il dodicesimo uomo in campo. Grazie!

#lacapolistaseneva

Calcio ASD Foggia Incedit 1957

Nico Baratta

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

L'Angolo di Mimì Palena

Fototeca a cura di Arcangelo Palumbo

0001.jpg