L’Intervista. Nel Coffee Shop a Londra, Emanuela e Arturo si raccontano

La prima esperienza vissuta giornalisticamente con Emanuela e Arturo è stata riproporre un’intervista che la collega Camilla Lombardozzi ha pubblicato sul sito latualondra.com. Una bella esperienza, conoscitiva.

Tuttavia era necessario approfondire la conoscenza di due conterranei che a migliaia di chilometri propongono, vendono e, perciò, fanno conoscere e gustare i nostri prodotti tipici locali, oltre a promuovere il nostro territorio e renderlo ancor più ricettivo per gli inglesi. Una necessità dettata dalle molteplici richieste dei concittadini di Emanuela, da una Monte Sant’Angelo curiosa e ansiosa, oltre che felice, di saperne di più sulla sua vita londinese, al fianco di suo marito Arturo.

Emanuela e Arturo vivono in Inghilterra, a Londra. Emanuela è da quattro anni che condivide amore e lavoro con Arturo, da vent’anni in terra anglosassone, ma napoletano di nascita. Da due, invece, entrambe condividono appieno la famiglia, avendola riunita con i loro due figli.

Molto è già stato scritto nell’articolo della Lombardozzi, “Italiani a Londra: Emanuela e Arturo dalla Puglia a Londra hanno aperto il loro Coffee Shop (fonte latualondra.com)”, riproposto parzialmente su questa testata. Ma la curiosità è pane quotidiano del giornalista e prender la palla al balzo dopo che la redazione è stata invasa da richieste di maggiori informazioni è un dovere oltre che un piacere soddisfare i lettori.

Abbiamo incontrato, seppur virtualmente con il telefono, i nostri due italiani. Gli abbiamo rivolto alcune domande, sintesi di ciò che i montanari volevano rivolgere.

Emanuela Arturo Londra

E nel giorno della Santa Pasqua 2021, come segno di unione con i nostri due conterranei e di festa, regaliamo a tutti Voi questa intervista, interessante, indicativa per future scommesse lavorative, valoriale per l’esempio positivo di Emanuela e Arturo, festoso per il successo avuto e augurale per quello che avverrà, perché chi crede e s’impegna, riesce.

Ciao Emanuela, ciao Arturo,

ci diamo del TU e rompiamo il ghiaccio

 DOM. Secondo le vostre iniziative e gli impegni presi, questo è un traguardo o un punto di partenza?

RISP. Ci siamo stabiliti all'incirca un anno fa, qui nel Surrey, con la famiglia al completo. Abbiamo iscritto i nostri figli a scuola ed è venuto naturale cercare una stabilità anche economica, per cui pensiamo sia un bel punto di partenza per noi.

DOM. Gli inglesi conoscono Monte Sant’Angelo? E come la giudicano. Sono affascinati dalla sua storia, cultura, folklore, usanze e meta per visitare il Gargano e la Capitanata intera, Monti Dauni compresi?

RISP. Sicuramente l'Italia intera genera in loro un interesse particolare. Tanti hanno visitato per vacanza o per lavoro il Gargano, ma nello specifico Monte Sant’Angelo è ancora poco conosciuta. Speriamo, con il nostro coffee shop ed i nostri prodotti, di dare a questa splendida cittadina il focus che merita.

DOM. Indubbiamente siete diventati portatori di tradizione e cultura montanara e partenopea. Gli inglesi come rispondono? Sono curiosi? Si prodigano per farla conoscere?

RISP. La prima cosa che si nota quando passano davanti alla nostra vetrina è lo stupore e la grande curiosità che hanno di provare sempre nuovi prodotti italiani. Come in qualsiasi posto, ci sono i tradizionalisti molto legati ai piatti e alle usanze inglesi e altri che si fidano dei nostri consigli e sperimentano i prodotti che non conoscono. La cosa sorprendente è come divulgano velocemente la notizia della nostra apertura condividendo, su gruppi privati e non di social, post e foto.

DOM. La vostra tavola quotidiana è più italiana o londinese?

RISP. Questa domanda ci offende (si scherza naturalmente). Noi siamo Italiani e la "I" maiuscola è voluta. Lo saremo per sempre e non modificheremo mai le nostre abitudini e le nostre tradizioni nemmeno a tavola. Mio marito non si definisce nemmeno italiano ma Napoletano, che è ancora diverso da ciò che abbiamo espresso prima! Si può sperimentare, scoprire e conoscere nuovi metodi e ingredienti, ma mai sostituirli o preferirli ai nostri!

Emanuela Arturo Londra02

DOM. Avete intenzione di ampliare la vostra attività con altri prodotti locali, montanari e napoletani? Quali?

RISP. In soli due mesi di attività abbiamo inserito i prodotti che più rappresentano il nostro territorio, come l'olio della piana di Macchia o gli scaldatelli del Forno Non Solo Pane o i formaggi della montagna San Salvatore. Ma è una certezza assoluta quella di voler ampliare la rosa dei nostri prodotti. Abbiamo colto l'occasione dell’arrivo della Pasqua per introdurre pastiera napoletana, sfogliatella e babà, perché il coffee shop è prettamente pugliese ma il tocco napoletano non può mancare.

DOM. Pensare all’e-commerce inviando ciò che fate in terra madre è un’idea che avete vagliato?

RISP. Pensiero allettante ed interessante quello dell'e-commerce. Al momento ci stiamo organizzando per la spedizione “casereccia" in zone di Londra più distanti ma senza un sito vero e proprio. Vogliamo sperare di avere un riscontro ancora più positivo di quello avuto finora per poter ampliare la nostra vendita anche online.

DOM. Da Londra come si vede l'Italia e come la vedete voi?

RISP. È una domanda scomoda per certi versi; per loro è il classico “pizza, pasta e mandolino”, con posti incantevoli e spiagge mozzafiato e sole e tanta cordialità del popolo. E fin qui tutto bene. Noi, invece, la vediamo come il primo amore ed anche l'ultimo, anzi l'unico con tanto da offrire ma gestita male e per questo un posto da “lasciare” per cercare fortuna altrove.

DOM. A Monte chiedono quando potranno avere il piacere di riabbracciarvi, CoVid-19 permettendo, quando sarà quel giorno?

RISP. Al momento siamo ancora nell'incertezza totale. Partire comporta una serie di autorizzazioni varie e motivi validi, anche se per noi riabbracciare le nostre famiglie è un motivo validissimo, per i “piani alti" non lo è. Ma appena avremo l'ok di poter tornare fare i biglietti aerei sarà il nostro unico pensiero.

DOM. Un riferimento per tenere in contatto i concittadini?

RISP. Abbiamo i nostri profili Facebook personali e la pagina social dell’attività “New Coffee Jolly Ltd” dove carichiamo le novità e le offerte, le curiosità e le descrizioni di tutti i nostri prodotti; lì ci sono anche tutti i nostri indirizzi e recapiti, This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.. Se poi passate per Londra ci trovate al numero 47 di  Bridge Street, KT121AF, Walton on Thames, nel Surrey.

 

Nico Baratta ©newsGargano tutti i diritti riservati

Read 348 times
Share this article
Top
Этот шаблон Joomla был скачан с сайта ДжуМикс.