Print this page
Monte Sant’Angelo, allarme andamento demografico. L’analisi di Donato Troiano

a cura di Donato Troiano.

«L’andamento demografico di Monte S. Angelo nel primo ventennio di questo secolo costituisce un elemento che per nessuna ragione può sfuggire alla riflessione di ogni cittadino e soprattutto degli amministratori comunali, oltre che della classe dirigente in senso lato.

Una riflessione seria e priva di ogni pregiudizio costituisce la premessa indispensabile per comprendere incontro a cosa sta andando la nostra Comunità, se rimangono invariate le attuali politiche dell’Amministrazione comunale.

Una riflessione obiettiva e doverosa, che deve impegnare tutti coloro che hanno a cuore le sorti di questa millenaria Città, al fine di prendere atto della necessità di nuove strategie di governo, superando l’infruttuosa ordinaria amministrazione.

Il primo gennaio del 2001 Monte S. Angelo contava 13.887 abitanti; il primo gennaio del 2021 ne annoverava 11.657, compresi 201 stranieri residenti.

Pertanto, nell’arco di un ventennio ha perso ben 2.230 abitanti, ben il 16% della sua popolazione.

Dal 2001 al 2016 la popolazione è diminuita in media di 98 unità all’anno; dal 2017 al 2020, invece, Monte S. Angelo ha perso in media 219 abitanti all’anno.

Il saldo nati/morti è passato dal -23,2 all’anno nel periodo 2001-2016 al -85 all’anno nel periodo 2017-2020.

Il saldo emigrati/immigrati nel periodo 2017/2020 si è quasi raddoppiato (-134 all’anno) rispetto al precedente periodo 2001/2016 (-75,5 all’anno).

Oltre all’accelerazione del decremento demografico degli ultimi anni, ciò che preoccupa ancora di più è l’attuale composizione della popolazione per classi di età.

Al primo gennaio 2021 la popolazione compresa tra i 60 e i 100 anni risulta essere di 2.307 unità pari al 32,8%, cioè di 5 punti superiore a quella di San Giovanni Rotondo, di 4 punti superiore a quella di Manfredonia e di 3 punti in più di quella di Mattinata.

La nostra popolazione compresa tra i 20 e i 59 anni risulta essere il 49,8%, cioè di 4,4 punti in meno rispetto a San Giovanni Rotondo, di 2,5 punti in meno rispetto a Manfredonia e di 1 punto rispetto a Mattinata.

La nostra popolazione compresa, invece, tra 0 e 19 anni è del 17,6%, cioè di 1,3 punti in meno rispetto a quelle di San Giovanni Rotondo e di Mattinata e di 0,8 punti in meno rispetto a quella di Manfredonia.

La situazione demografica della nostra Città è davvero preoccupante, poiché è caratterizzata da due fenomeni negativi progressivi: il decremento e l’invecchiamento.

Questo andamento demografico, ovviamente, contribuirà ad aggravare l’attuale crisi economica e darà un’ulteriore, pericolosissima spinta all’emigrazione di molti nuclei familiari nonostante il loro accettabile livello di reddito.

Infatti, se non si riesce ad invertire questo corso negativo, Monte S. Angelo perderà altri 2.200/ 2.500 abitanti, rischiando di scendere sotto il numero dei 9 mila residenti entro il 2030 e intorno ai 6.500 abitanti entro il 2040.

Allora i prossimi dieci anni saranno decisivi per le sorti della nostra Città e della sua Comunità. La rassegnazione e l’indifferenza di una buona parte della popolazione, al pari della inadeguatezza dell’attuale classe dirigente, potrebbero essere purtroppo un veleno mortale per l’intero corpo sociale.

Non si può perdere altro tempo. Bisogna agire tempestivamente lungo tre direttrici: 1. accendere la speranza di una rinascita economica, sociale e culturale;

2. iniettare nel corpo sociale sangue giovane (più nuclei familiari esterni);

3. migliorare l’ambiente economico (più imprese e più lavoro).

Tutti, chi più chi meno, siamo chiamati ad assumerci le nostre responsabilità. Nessuno ha il diritto di “stare alla finestra”, sperando che pochi soggetti assumano su di sé il peso della difficilissima missione di assicurare a questa Città la rinascita, che può essere a portata di mano nel prossimo decennio se tutti si metteranno in gioco con spirito di servizio, soprattutto se le donne e i giovani si impegneranno per costruire con le loro mani il proprio futuro, qui e ora».

Read 422 times
Share this article

About author

Redazione