Carapelle. Esplosione appartamento. Il giovane 21enne non ce l’ha fatta. Domani lutto cittadino

Le numerose ustioni su tutto il corpo hanno prevalso sullo stato di salute del giovane 21enne coinvolto nell’esplosione della sua abitazione la sera del 13 maggio scorso, a Carapelle, in via Europa.

Francesco Pedone, il suo nome, è deceduto nelle scorse ore nell’ospedale Perrino di Brindisi, dove era stato ricoverato d’urgenza, dopo un primo soccorso al Policlinico Riuniti di Foggia trasportato d’urgenza in elisoccorso.

È stata una settimana di agonia per Francesco, che inizialmente sembrava di farcela, pur con le gravi ustioni. Carapelle è sotto shock, sia per ciò che è accaduto quella sera e soprattutto per la dipartita del 21enne.

Oggi una comunità si stringe attorno alla famiglia di Francesco, in primis la Caritas locale che aveva fatto pubblicare sui media una lettera aperta invitando la cittadinanza a non puntare il dito contro la famiglia e rimarcare il disagio in cui viveva, poi l’Amministrazione comunale che per domani, 20 maggio 2022, ha disposto il lutto cittadino.

«Siamo molto tristi oggi –ha scritto il sindaco di Carapelle, Umberto Di Michle, sulla pagina facebook del Comune-. Ci hanno appena comunicato una notizia che non avremmo mai voluto dare. Francesco purtroppo non ce l'ha fatta. È il momento di raccogliersi nel silenzio e nella preghiera, per riflettere su quanto accaduto. Mai come oggi, Carapelle deve essere una comunità. Il sindaco Umberto Di Michele e l'amministrazione comunale si riservano di proclamare il lutto cittadino nel giorno delle esequie del povero Francesco».

Nel frattempo le indagini proseguono pere stabilire le cause della deflagrazione che, per la cronaca, ha interessato le abitazioni limitrofe e un pastificio adiacente reso temporaneamente inagibile.

Read 108 times
Share this article

About author

Redazione

FABS2022 long animate

 

Top
Этот шаблон Joomla был скачан с сайта ДжуМикс.