Bagni chiusi al cimitero di Monte. “Armonia” chiede urgente l’intervento dell’ass. Vergura

Del cimitero di Monte Sant’Angelo non si finisce mai di parlare. Se poco più di dieci mesi fa parte degli esterni erano diventati spazi per discariche abusive, se nove mesi fa fu al centro di polemiche per lo stato di degrado e abbandono degli spazi interni con intonaci ammalorati e mura fatiscenti, e sempre nello stesso periodo, precisamente durante la festa dei defunti rimase al buio e temporaneamente senza custode, anche se era all’interno come replicò il sindaco, vicenda che vide in prima linea sia La Rinascita Possibile per l’appalto cimiteriale scaduto, sia l’attuale (come allora) sindaco d’Arienzo che rispose a tono sulla non mancanza del custode e la mancata illuminazione, oggi quel luogo è nuovamente al centro delle attenzioni delle forze di opposizione politiche esterne al Consiglio comunale. Difatti l’associazione politico-culturale “Armonia” denuncia la chiusura dei bagni pubblici presenti all’interno del cimitero. Una chiusura, da quanto si apprende da una nota pervenuta in redazione, dovuta all’interruzione dell’erogazione dell’acqua giacché questa avrebbe inondato le gallerie del plesso. “Armonia” invita l’Amministrazione comunale, nella veste dell’assessore preposto, Giovanni Vergura, a intervenire al più presto.

Di seguito la nota di “Armonia”

“Alcuni giorni fa una delle gallerie del Cimitero è stata invasa dall'acqua. Sono cinque giorni, ormai, che nel Cimitero è stata interrotta la erogazione dell'acqua. Infatti, i bagni non sono utilizzabili.

Assessore Vergura, cosa aspetti a disporre i necessari interventi?

È nostro dovere scrivere e denunciare all'opinione pubblica, perché il silenzio non è solo collaborazione, ma anche connivenza!”

Read 122 times
Share this article

About author

Redazione

FABS2022 long animate

 

Top
Этот шаблон Joomla был скачан с сайта ДжуМикс.