Agricoltura. Nella Legge di Bilancio 2021 sostegno alle filiere colpite dalla pandemia

Attraverso alcuni ordini del giorno alla Legge di Bilancio, il MoVimento 5 Stelle indica i settori su cui intervenire con i 150 milioni di euro a disposizione: ortofrutta, olivico-oleario, vitivinicolo e brassicolo in primis.

Nella Legge di Bilancio 2021 sono state ingenti le risorse stanziate per le filiere agroalimentari italiane, che sfiorano i 200 milioni di euro. Determinati obiettivi di spesa sono stati già stabiliti nel testo della Manovra, come ad esempio per i 10 milioni per lo stoccaggio dei vini sfusi DOC DOCG e IGT certificati o atti a divenire tali o per il Fondo suinicolo, dotato di 10 milioni di euro e finalizzato alla realizzazione di progetti per migliorare la misurabilità e l’accrescimento delle condizioni di sostenibilità delle aziende zootecniche, di produzione e trasformazione della carne. Per le ulteriori somme a disposizione del “Fondo per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura” sarà necessario provvedere a successive indicazioni di spesa da parte del Ministero delle Politiche Agricole.

“È importante comprendere come spendere i 150 milioni di euro previsti per il 2021 – dichiara la deputata Chiara Gagnarli, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura alla Camera – Per questo, attraverso diversi ordini del giorno accolti dal Governo Conte, abbiamo indicato le priorità di intervento affinché si possa incidere in maniera determinante su quelle filiere che maggiormente hanno subito il contraccolpo delle conseguenze economiche legate alla crisi pandemica da Covid-19 e che, magari, non hanno ancora ottenuto il sostegno necessario a fronteggiare questa drammatica situazione. Penso, innanzitutto – prosegue Gagnarli – al settore ortofrutticolo, sia dal punto di vista della tutela e promozione del prodotto sia relativamente al sostegno economico alle imprese, o al settore olivicolo-oleario che necessita di una strategia di rilancio non più procrastinabile. A questi si sommano due comparti che, con la chiusura del canale Ho.re.ca, hanno subito ingenti perdite: il vitivinicolo e la birra artigianale. Anche lo stanziamento per il settore suinicolo rischia di non essere adeguato ed è, pertanto, necessario intervenire sostenendo attività di promozione nei confronti del consumatore finale, valorizzazione delle produzioni nazionali e adeguamento delle imprese alle nuove dinamiche di mercato e di commercializzazione – spiega la deputata 5 Stelle – Ringrazio il Sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe L’Abbate (M5S), con cui abbiamo lavorato per sostenere le cosiddette filiere minori prevedendo un fondo ad hoc con una dotazione da 10 milioni di euro. Proseguiremo il lavoro di supporto parlamentare all’attività governativa per meglio spendere le risorse a disposizione affinché si punta a misure che sappiano davvero creare quel valore aggiunto in grado di rendere competitive ed innovative le nostre imprese agroalimentari sui mercati internazionali”.

Read 77 times
Share this article

About author

Redazione
Top
Этот шаблон Joomla был скачан с сайта ДжуМикс.