Sconfitto in casa contro l’Avellino, il Foggia non c’è

Si fa sempre più drammatica la posizione di classifica del Foggia. Allo Zaccheria, perde 2 a 1 contro un Avellino deciso e ben organizzato. Non son bastati i mille spettatori per spingere alla vittoria i rossoneri.

In campo si sono viste due squadre fallose, con un Avellino che dettava il gioco e un Foggia che subiva, confuso e poco deciso nelle conclusioni.

Gli ospiti volevano la vittoria e l’hanno ottenuta, complice i Satanelli disattenti in difesa. Fumagalli, come la scorsa partita, fa il possibile per non far bucare la porta. A metà gara l’Avellino passa in vantaggio con D’Angelo, già fattosi vedere e sentire dall’estremo difensore rossonero con conclusioni a porta. Il Foggia non reagisce e gli ospiti controllano il vantaggio. A fine primo tempo l’Avellino porta a due il vantaggio ma viene annullato per fuorigioco. Proteste in campo e il sig. Paolo Bitonti della sezione A.I.A. di Bologna manda tutti negli spogliatoi.

La ripresa sembra il primo tempo: Foggia in affanno e Avellino agguerrito. Gli irpini si fanno vedere da Fumagalli che riesce a tener chiusa la porta. Ma contro il continuo assedio non può più nulla a l’Avellino dopo pochi minuti raddoppia su rigore. Bernadotto viene atterrato da Gavazzi e Santaniello trasforma il penalty. Per vedere un’azione lineare del Foggia bisognerà attendere la fine del gioco. Al 41esimo Vitale sotto porta insacca, è il goal della bandiera. L’incontro dopo tre minuti di recupero termina 2 a 1 per l’Avellino.

Situazione difficile per i Rossoneri, sempre fermi a tre punti e classifica drammatica. I mille dello Zaccheria non son bastati a spronare gli undici del rettangolo. E dire che hanno pagato anche 25 euro per assistere a un incontro di Lega Pro.

 

Read 145 times
Share this article

banner eventi

Top
Этот шаблон Joomla был скачан с сайта ДжуМикс.