Davvero è “tutta un’altra storia”. Maria Aida Episcopo è Sindaco di Foggia

Non c'è stato testa a testa, tanto meno quell'ansia del risultato quando arrivano i dati direttamente dalle sezioni scrutinate, solo attesa per la conferma del superamento del 50+1 percentuale.

Davvero è stata "un'altra storia", ma davvero “tutta” la vittoria di Maria Aida Episcopo (Marida per i più vicini) alla carica di Sindaco di Foggia.

Ha vinto al primo turno con 36.801 preferenze, pari al 52,78%, sbaragliando tutti e raddoppiando le distanze dalla coalizione opposta, che ha totalizzato il 24,76% di preferenze, con i 17.268 voti a Raffaele Di Mauro.

Nessun ballottaggio per il nuovo Sindaco, o Sindaca se preferibile. Una donna, per la prima volta in assoluto, al comando dell'Amministrazione politica foggiana.

Sarà un compito arduo, anche duro, ma affrontabile e sicuramente propositivo, giacché la Episcopo è supportata da valide persone, per la maggior parte giovani, ed è un dato importante per ridare identità a una città che l'ha persa.

Identità, la parola magica, assieme a certezza,  che deve far rinascere un capoluogo di provincia, che nella sostanza territoriale e per la sua conformità morfologica è una regione, da molti anni decentralizzata e depauperata dai più elementari servizi per la comunità.

Ma identità è anche riprendersi quella credibilità scippata (da chi deve essere ancora giudicato) due anni fa per un commissariamento del Comune per infiltrazioni mafiose, che nella carne viva cittadina l'ha fatta precipitare nell'onta nazionale, e oltre, destinandola a classifiche artatamente costruite per confinare territori floridi per altre finalità.

Ora è tempo di costruire, appunto certezza, la macchina politica amministrativa, quella Giunta comunale che, si augura per 5 anni, indirizzerà tecnostruttura e cittadini a migliori traguardi e sviluppi. Lavoro in primis. Ma anche, e soprattutto, migliori servizi, welfare, sicurezza e legalità, futuro e stanzialità per i giovani e innamoramento del proprio territorio, credibilità nelle istituzioni e bellezza, fruibilità e vivibilità culturale.

Maria Aida Episcopo lo sa ed è già al lavoro per metter su una squadra caratterialmente forte e omogenea nella sostanza, non solo nella forma.

Dieci liste son tante e tante son le loro aspettative per aver un ruolo, non solo nell’assise di corso Garibaldi, anche nelle varie partecipate che urgono di ristrutturazioni sostanziali e maggiormente “pulite da inciampi e distrazioni consortili”.

Una donna al comando in un sistema da sempre maschile, che vedrà una squadra omogenea nella rappresentanza di genere e età. Un successo per la democrazia, per Foggia.

Buon lavoro Marida!

Ed intanto i numeri si cristallizzano, di quelle schede votate e poi scrutinate, che hanno consolidato una vittoria ma anche delle sconfitte.

Per la cronaca, giusta e democraticamente doverosa da fare, la coalizione di centrosinistra a sostegno della Episcopo, detta “Campo Largo”, ha ottenuto il 55,22%, affermando il Partito Democratico primo partito cittadino con il 13,66% e 6 Consiglieri comunali, seguito dal Movimento 5 Stelle con il 12,32% con 5. La lista “Con” voluta fortemente da Michele Emiliano, si piazza terzo con l'8,56% con 4 Consiglieri, mentre “Tempi nuovi”, quarto, ne ottiene 3. Popolari per Foggia e all'Italia del Meridione ottengo 1 Consigliere per parte. In totale la maggioranza ha 20 Consiglieri comunali.

Dall’atra parte, è Fratelli d'Italia, terzo partito in assoluto di Foggia con l'11,30%, ad ottenere più Consiglieri, 3, seguito da Forza Italia con il 5,85% e 2 Consiglieri. Seguono Noi Moderati, Lega di Prima Foggia, con 1 Consigliere cadauno, mentre per i Liberali e Riformisti Npsi nessun rappresentante. In totale 7 Consiglieri comunali.

I candidati Sindaci non usciti entrano tutti nel Consiglio comunale; cronologicamente sono Nunzio Angiola con 7.381 preferenze, pari al 10,59%, con 2 Consiglieri (compreso lui), Giuseppe Mainiero con 5.616 preferenze, pari all'8,05%, Antonio De Sabato con 2.663 preferenze, pari al 3,82%.

Per quanto riguarda i nomi degli eletti, vi sono new entry e vecchie conoscenze. Rimangono fuori nomi “importanti” che potrebbero essere ripescati dopo il componimento della Giunta.

Per il Partito Democratico sono il segretario cittadino Davide Emanuele, Alice Amatore, Lia Azzarone, già più suffragata nella scorsa tornata e ora dirigente regionale, il giovanissimo Mario Cagiano e gli ex consiglieri comunali Pasquale Dell'Aquila e Michele Francesco De Vito. Per il M5S c’è Mario Del Maso, Lucia Aprile, Francesco Strippoli, e il ritorno di Giovanni Quarato. Rimane un posto da Consigliere conteso tra Francesco Saverio Salemme e Antonella Zoppo per ugual preferenze. “Con” piazza Achille Capozzi, sindacalista, Antonio Pio Mancini, Giulio De Santis e Pasquale Ciruolo, già sindaco di Panni. Per “Tempi Nuovi” ci sarà Paolo Pio Frattulino, Mino Di Chiara (all’anagrafe Carmine) e Antonello Di Paola. Mentre “Italia del Meridione” avrà Pasquale Cataneo, un ritorno che, seppur in solitudine, avrà un peso specifico importante nell’intera assise per decisioni su futuri progetti, alcuni già in itinere, per lo sviluppo territoriale.

L’opposizione di centrodestra vede tra i banchi consiliari per Fratelli d’Italia Maurizio Accettulli, Concetta Soragnese e Claudio Amorese, già assessore, per Forza Italia, come anticipato Raffaele Di Mauro, Luigi Fusco e Pasquale Rignanese, per Prima Foggia c’è Amato Franco Nunziante e per Noi Moderati Marco Pellegrino.

Chi è Maria Aida Episcopo

Maria Aida Episcopo è nata a Foggia. A marzo ha compiuto sessant’anni. È coniugata con Massimo, ingegnere e docente di matematica ed ha due figli, Luigi e Francesco.

Dirige l’Ufficio di Ambito Territoriale di Foggia e B.A.T. Nord, dopo un lungo impegno scolastico di docenza iniziato nel 1980.

Intensa la sua formazione accademica con le lauree magistrali in Scienze delle Attività Motorie (Università de L’Aquila), in Pedagogia (Università di Napoli), in Scienze Politiche (Università di Bari, Facoltà di Giurisprudenza), in Psicologia (Università degli Studi del Sannio) conseguendo diplomi di perfezionamento e specializzazione post lauream prima in Lettere e Filosofia e poi in Giornalismo e Comunicazioni di Massa nelle Università di Bari e della Sapienza di Roma.

Significativi anche un Master in Management delle Risorse Umane e diversi attestati di professionalizzazione, tra cui quello in Mediazione Penale Minorile.

Nel 2017 è risultata prima classificata nella graduatoria di merito per l’esercizio delle funzioni di Giudice Onorario Minorile presso il Tribunale di Bari, procedura selettiva indetta dal Consiglio Superiore della Magistratura.

È iscritta quale Revisore Contabile del MIUR e svolge funzioni in diversi Nuclei di Valutazione delle performance dirigenziali.

Al suo attivo anche una cospicua attività pubblicistica tra cui tre saggi di sociologia, manuali universitari nonché dispense per corsi accademici.

Ha partecipato, anche in veste di coordinatore, a diverse progettazioni nazionali ed internazionali per la realizzazione di partenariati, gemellaggi e stage.

Numerosi i riconoscimenti ricevuti in ambito accademico e scientifico tra cui quello dell’Accademia Internazionale Città di Roma (2012) “per aver contribuito con il proprio operato all’evoluzione del sapere umano tenendo saldi i principi di moralità, onestà e senso civico, suscitando emozioni e sensazioni”.

Read 1144 times
Share this article

About author

Redazione

BANNER 2   News Gargano 1150x290

FABS2022 long animate

 

 

Top
Этот шаблон Joomla был скачан с сайта ДжуМикс.