Redazione

Redazione

“Nell'auspicio che qualcosa cambi, ossia che si possa procedere con un concorso straordinario, saremo vicini agli insegnanti di religione cattolica e alle loro famiglie”

“Gli insegnanti di religione sono delle risorse inesauribili di impegno, abnegazione e vicinanza per i nostri bambini e i nostri giovani. La loro presenza nelle scuole è divenuta, negli anni, un punto di riferimento non solo sul versante didattico, ma anche su quello umano e sociale. Sono vicino a tutti loro e faccio miei i timori legati al rischio della perdita del posto di lavoro”.

Si è svolto, nei giorni scorsi, presso il Palazzo Arcivescovile di Foggia, l'incontro tra mons. Vincenzo Pelvi, Arcivescovo Metropolita di Foggia – Bovino, e la segreteria provinciale del sindacato più rappresentativo degli insegnanti di religione, lo Snadir.

All'incontro erano presenti, oltre al Presule, il direttore dell'Ufficio Scuola e Università della Diocesi, don Bruno D'Emilio; mons. Filippo Tardio, Vicario Generale; don Francesco Gioia, Provicario, ed i componenti della segreteria dello Snadir, gli insegnanti Francesco Guarino, Damiano Bordasco, Marcella Vigilante, Celeste Fasanella e Alessandro Maddalena.

La riunione si è tenuta per discutere delle probabili ricadute che potrebbero esserci a seguito del previsto concorso ordinario per gli Idr.

I componenti della segreteria hanno espresso le proprie preoccupazioni in merito alla formulazione del concorso ordinario, che “mortifica – hanno affermato – docenti che sono nella scuola da tantissimi anni. Insegnanti che, ormai, negli istituti scolastici sono impegnati su tutti i fronti”.

“L'Arcidiocesi nel corso degli anni ha cercato – ha continuato mons. Pelvi - anche grazie al prezioso lavoro del Direttore dell'Ufficio Scuola, don Bruno D'Emilio, di portare gli incaricati diocesani sempre ad orario cattedra, proprio per dare a queste persone, a noi molto vicine, una stabilità di lavoro e, quindi, di vita”.

Dopo l'ultimo concorso, svoltosi nel lontano 2004, l'impianto normativo avrebbe dovuto prevedere l'indizione di un concorso ogni tre anni per il reclutamento degli insegnanti: ciò non è avvenuto.

“In tutto questo tempo – ha proseguito l'Arcivescovo - migliaia di persone hanno dedicato e dedicano la loro vita a favore degli alunni e delle loro famiglie; dalla scuola per l'Infanzia, fino ad arrivare alla Secondaria di Secondo Grado, ci sono docenti di religione che insegnano da dieci, quindici ma anche venti anni, costretti ad un precariato storico. Condizione, questa, inaccettabile già di suo ma che rischia, adesso, a seguito dell'Intesa, di far uscire dalla scuola tanti padri e madri di famiglia che, in questi diciassette anni, hanno costruito con amore e fatica le loro famiglie. Il mio personale auspicio è che, prima della pubblicazione del bando di concorso, si tengano presenti tutte le variabili in campo”.

Il concorso ordinario, infatti, prevede poco spazio per il servizio, con il rischio di trasformarsi nell'epilogo di tanti anni di faticoso lavoro.

“Nell'auspicio – ha concluso - che qualcosa cambi, ossia che si possa procedere con un concorso straordinario, quantomeno per i docenti che hanno almeno trentasei mesi di servizio, saremo vicini agli insegnanti di religione cattolica e alle loro famiglie”.

Se dal M5S giunge la notizia che dall’1 febbraio 2021 riapriranno le gallerie fra Vico del Gargano e Ischitella, dalla Lega, in Puglia, giunge la risposta all’effettiva matrice della decisione che l’ANAS ha assunto. Difatti, come annunciato dall’On. Faro (M5S) dall’1 febbraio riaprirà una corsia a senso alternato, come chiesto dalla Lega in una PEC inviata all’ANAS il 25 gennaio 2021

In una nota stampa, a firma Splendido – Cusmai, che poi sarebbe la PEC suddetta, si parla di continui disagi a cittadini e operatori sanitari, con la richiesta urgente di riapertura di una corsia di emergenza.

«Sono ormai tre mesi che le gallerie della superstrada fra Vico e Ischitella sono chiuse per l’adeguamento degli impianti di illuminazione, ma dopo l’apertura prevista per il 22 dicembre, durata pochissimi giorni, durante i quali le automobili transitavano al buio all’interno delle gallerie, nuovamente sono state chiuse e idisagi per i cittadini continuano».

Così inizia la PEC inviata dai due firmatari all’ANAS, in data 25 gennaio 2021, proponendola alla stampa come nota.

«Ci giungono segnalazioni quotidiane di malessere e voglia di capire da ANAS cosa stia accadendo, perché si è costretti in alternativa a percorrere strade interne anche molto pericolose come quella che da Vico a Ischitella. Inoltre –proseguono- grande disagio vivono i mezzi di soccorso, costretti a subire l’allungamento dei tempi di percorrenza e mettendo così a rischio la vita di chi dovrebbe giungere all’Ospedale più vicino. Per queste motivazioni –terminano Splendido e Cusmai- chiediamo l’apertura, fino alla piena disponibilità, di almeno una corsia per le emergenze».

FOCUS
- Gallerie della superstrada fra Vico del Gargano e Ischitella (FG) chiuse. L'On. Faro (M5S): «Ecco quando riapriranno»

«L’operazione del Comando provinciale dell’Arma dei Carabinieri questa mattina a Palermo, coordinata dalla competente Procura distrettuale antimafia, rappresenta un altro duro colpo a Cosa Nostra e alle sue attività estorsive e di infiltrazione della economia locale”, ha dichiarato il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, evidenziando come dalle indagini emerga “il tentativo dei sodalizi mafiosi di approfittare della attuale difficile situazione economica per imporre il loro welfare di prossimità e rafforzare così il consenso sociale».

Per la cronaca la DDA di Palermo ha disposto il fermo di 16 persone accusate a vario titolo, nello specifico di associazione mafiosa, tentato omicidio, estorsioni, danneggiamenti, minacce aggravate, detenzione abusiva di armi da fuoco.
Tra i vari capi di imputazione c’è che i boss fornivano di viveri, facendo la spesa durante il primo lockdown del 2020, ai poveri per poi accreditarsi la loro “benevolenza”.

«Il bisogno per le famiglie e la assenza di liquidità per le imprese in tempo di Covid-19 rappresentano l’occasione per le organizzazioni criminali per accreditarsi con la popolazione ed esercitare il potere mafioso - ha proseguito la titolare del Viminale. Per questo, la magistratura e le forze di polizia stanno svolgendo una attenta attività investigativa e di prevenzione anche grazie alla coraggiosa e preziosa collaborazione di imprenditori che denunciano le pressioni criminali, dimostrando forza e determinazione nel reagire in territori difficili. Lo Stato è sempre vicino alle forze economiche sane».

L'indagine, è stata coordinata dal Procuratore Francesco Lo Voi e dal Procuratore aggiunto Salvatore De Luca, con la conduzione del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Palermo. Il "mandamento" mafioso colpito è stato quello di Tommaso Natale, con espressa attenzione per le "famiglie" di Tommaso Natale, Partanna Mondello e ZEN - Pallavicino.

Tra gli indagati anche un boss storico del luogo, Giulio Caporrimo. Quest’ultimo uscito dal carcere, nel maggio del 2019, dopo diversi anni di detenzione, si è visto soppiantare da Francesco Palumeri, nuovo boss dopo la riorganizzazione mafiosa in seguito agli arresti disposti con l'inchiesta Cupola 2.0.
L’indagine ha anche appurato che Giuseppe Cusimano, boss palermitano, sarebbe stato colui che avrebbe garantito viveri alle famiglie indigenti del quartiere Zen, tentando di organizzare una distribuzione alimentare per i poveri durante il primo lockdown del 2020.

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha nominato componente della Giunta Regionale la Consigliera Regionale Rosa Barone, con delega “Welfare, Politiche di benessere sociale e pari opportunità, Programmazione sociale ed integrazione socio-sanitaria”.

“Esiste una buona politica - dichiara il presidente Emiliano - che parla di programmi, di persone, di scelte condivise. Che si ritrova su obiettivi comuni, stabiliti prima del voto e consacrati dalla legittimazione popolare, attraverso percorsi trasparenti, pubblici, rivolti solo ed esclusivamente al bene comune. L’allargamento della nostra Giunta al Movimento 5 Stelle nasce con questo spirito. Ringrazio la maggioranza di centro sinistra per aver accompagnato questo processo con lo sguardo sempre rivolto in avanti e animo costruttivo e inclusivo. E ringrazio il Movimento 5 Stelle, a cominciare dal capo politico Vito Crimi che oggi ha ripercorso i passi istituzionali e i valori comuni che ci hanno condotto sino a qui. Spero che questo percorso possa trovare adesso un’ulteriore spinta anche dalla base del Movimento, perché più uniti saremo, più forte sarà la voce della Puglia in Italia e in Europa. Siamo pronti a iniziare un confronto serrato non solo con le forze politiche di maggioranza ma anche con il popolo degli elettori che hanno consentito alla Puglia di proseguire il suo cammino rivoluzionario. Il popolo pugliese è un cervello collettivo che deve trovare continuo ascolto e condivisione nella sintesi della democrazia diretta, caratteristica delle liste civiche e del M5S, con la democrazia rappresentativa, incarnata dalle istituzioni e dai partiti. Sono pronto a girare la Puglia per incontrare anche coloro ai quali non abbiamo ancora saputo spiegare l’importanza per la Puglia e per l’Italia di questa sperimentazione politica umile e aperta”.

La Polizia Locale di Foggia festeggia Severina Cavalli, per l’attribuzione del grado di Ispettore Superiore da parte del Comandante del Corpo il Dirigente Superiore dott. Romeo Delle Noci, dopo essere stata la prima donna in divisa ad accedere al ruolo degli ispettori.

Per anni, Severina Cavalli è stata l'unica agente donna del Comando di Polizia Locale di Foggia fino all'arrivo di altre 52 colleghe nel 2004. Una brillante carriera al servizio della comunità che oggi ha raggiunto il suo apice. 

Una donna in divisa di grandi doti umane e morali, con un carattere forte e sempre dalla parte dei più deboli ed, in particolare, da quella dei bambini nelle scuole dove l'ispettrice superiore Cavalli ha sempre tenuto lezioni sul Codice della Strada e sul bullismo, rivestendo un ruolo determinante nella fase dell’ideazione e dell’esecuzione dei relativi progetti.

L'assessore alla Polizia Locale Alessandra Loretti:

"I miei migliori auguri al nuovo ispettore superiore Severina Cavalli, orgoglio del comando della polizia municipale. L'ispettrice Cavalli è un esempio di dedizione al servizio e faro per le tante donne che oggi compongono il corpo della nostra Polizia Locale. Per prima si è affacciata in un mondo che fino a non molto tempo fa era prevalentemente maschile facendo emergere le sue qualità ed oggi il conseguimento del grado di ispettore superiore rappresenta il coronamento di una brillante carriera. Oltre al mio personale grazie per quel che ha fatto e ancora farà, mi associo alla gioia di tutto il nostro Comando".

On Faro: « Da ANAS risposte concrete alla mia lettera, la politica è utile ai cittadini se risolve i problemi»

«Sono abituata ad agire e fare in modo che si risolvano i problemi del nostro territorio, cosa che è ancora più importante quando si parla di sicurezza stradale e di viabilità, piuttosto che affidarmi ad una politica che a colpi di dichiarazioni alla stampa prova solo ad attrarre consensi, ed è per questo che nei giorni scorsi ho scritto ad ANAS per capire, sollecitare e avere risposte precise in merito ai lavori che stanno interessando le gallerie della superstrada fra Vico del Gargano e Ischitella, in provincia di Foggia. Dall’inizio del mandato su questa strada ho concentrato molte delle mie segnalazioni, per avere finalmente la manutenzione che da tempo si aspettava, essendo un’arteria molto importante. Dopo anni di abbandono oggi è realtà», dichiara la parlamentare del Movimento 5 stelle Marialuisa Faro.

I lavori in oggetto riguardano la manutenzione straordinaria relativi all’illuminazione nelle gallerie Monte Nicola, Pizzinicchia I e Pizzinicchia II, che sono interessate, nell’ambito del Progetto Green Light, alla sostituzione dei corpi illuminanti con LED di ultima generazione,lavori iniziati il 30/10/2020, nell’intento di evitare di incidere sulla regolare circolazione stradale nel periodo estivo.

«L’apertura delle gallerie, come comunicatomi da ANAS, avverrà dal 1 febbraio con l’istituzione del senso unico alternato regolato da impianto semaforico. Il “leggero” disallineamento delle tempistiche di esecuzione degli interventi rispetto alle originarie previsioni è riferibile a problematiche emerse durante il corso dei lavori ed a difficoltà di approvvigionamento nelle forniture da parte dell’appaltatore connesse all’emergenza epidemiologica in atto- fa sapere l’on. Faro. Credo che sia arrivato il momento che la politica faccia meno demagogia e utilizzi, umilmente, gli strumenti necessari per risolvere le questioni e i disagi, evitando inutili dichiarazioni alla stampa cercando solo di apparire dalla parte dei cittadini. I politici sono utili se, rimboccandosi le maniche, si adoperarono per risolvere concretamente i problemi, il resto è polemica inutile e strumentale». Conclude Faro.

«I cittadini meritano di fruire dell’area protetta».

“Nel lontano 2006 la Regione Puglia con la Legge regionale numero 10 normava l’ “Istituzione del Parco naturale regionale ‘Bosco Incoronata’”. Da allora poco si è fatto per rendere il parco vivo e non soltanto un’area di carta. Secondo l’articolo 5 la gestione del Parco naturale regionale “Bosco Incoronata” è affidata al Comune di Foggia, che vi provvede coordinando strettamente i propri interventi con gli obiettivi di programmazione regionale in materia di conservazione della natura e aree naturali protette.
Il Comune secondo la legge, per la gestione, deve organizzare una struttura autonoma nell’ambito dell’Amministrazione comunale, con la possibilità da parte del sindaco di nominare un Direttore della riserva. Nel 2016 a tal proposito è stato nominato il dirigente d’area, l’ingegner Paolo Affatato, la cui struttura amministrativa di riferimento è impiegata esclusivamente nei compiti di gestione dell’area protetta. Per l’attuazione delle finalità del Parco naturale regionale “Bosco Incoronata” l’Ente di gestione si dota del Piano territoriale dell’area naturale protetta, che il Comune di Foggia ha adottato nel 2017; di un Piano pluriennale economico sociale, al fine di valorizzare gli usi, i costumi, le consuetudini e le attività tradizionali delle popolazioni residenti sul territorio, nonché le espressioni culturali proprie e caratteristiche delle identità delle comunità locali e di un Regolamento.
Ebbene nel 2018 il direttore del Parco informò l’ente comunale e i suoi eletti di aver avviato una procedura di Vas. A che punto è l’ingegner Affatato?”
È quanto si chiedono il capogruppo del MoVimento 5 Stelle al Comune di Foggia, Giuseppe Fatigato e il consigliere comunale Giovanni Quarato in una lunga interrogazione sul futuro dell’area protetta dell’Incoronata.
Nel loro atto i due eletti pentastellati interpellano l’amministrazione su quale sia lo stato della procedura di Vas relativa al Piano Territoriale del Parco Naturale Regionale Bosco Incoronata avviata a luglio 2018, su quali siano le azioni utili attivate ad oggi al fine di arrivare all’approvazione definitiva del piano territoriale e del regolamento dell’area protetta e infine su quali misure intenda adottare l’amministrazione comunale per valorizzazione il parco attraverso la predisposizione di progetti per rendere maggiormente fruibile l’area.
“Le cittadine e i cittadini foggiani, anche in vista dei prossimi mesi primaverili ed estivi e della persistenza dell’emergenza pandemica, hanno la necessità di appropriarsi in tutta sicurezza degli spazi del parco, che merita una fruizione molto più allargata e partecipata, in chiave didattica, sportiva e turistica”, concludono Fatigato e Quarato.

Quando è la storia a impartire lezioni: la testimonianza esclusiva della signora Trudy Bandler, sopravvissuta bambina all’Olocausto e ricongiunta ai genitori a Bari nel 1946, è stata al centro del seminario sulla Shoah, rivolto agli insegnanti e studenti delle scuole pugliesi e trasmesso on-line sulla piattaforma del Consiglio regionale della Puglia, alla vigilia della Giornata della Memoria.
Alla presenza del prefetto di Bari Antonia Bellomo e della presidente del Consiglio regionale Loredana Capone, dopo l’introduzione storica a cura dell’Istituto Pugliese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea (Ipsaic), sui temi della persecuzione razziale in Europa e dell’accoglienza dei profughi a Bari nel dopoguerra, le parole della protagonista hanno fatto luce sulla vicenda personale e dei bambini salvati nei Kindertrasport da Praga a Bari 1939-1946.
Nel maggio 1939, Trudy Bandler, ebrea cecoslovacca di appena cinque anni, riuscì a sfuggire alla persecuzione razziale, messa in salvo con uno dei sei treni, affollati di bambini ebrei, che da Praga raggiunse Londra. L’ultimo convoglio della cosiddetta “fuga degli angeli” venne invece bloccato e i nazisti deportarono i bambini nei campi di annientamento. Il resto della famiglia Bandler riuscì a raggiungere Trieste, ma non sfuggì all’internamento in diversi campi di concentramento della penisola. Alla fine della guerra, l’intera famiglia riuscì a ricongiungersi a Bari, diventata sotto sotto il controllo delle autorità alleate, uno dei centri più attivi dell’accoglienza dei profughi ebrei.

“In Provincia di Foggia sono state effettuate vaccinazioni anti covid ai servizi territoriali “a macchia di leopardo” lasciando scoperti gli operatori di alcuni presidi e ambulatori, delle dipendenze patologiche, della salute mentale, dei poliambulatori, dei consultori, degli studi odontoiatrici; nonostante le sollecitazioni ai referenti. Eppure sono state somministrate dosi anche al personale amministrativo ed ai lavoratori delle ditte esterne che forniscono beni e servizi per le aziende ospedaliere, è stata avviata anche la vaccinazione alla Sanità Privata, personale e ospiti RSA e RSSA. Considerato che il presidente Emiliano e il suo assessore Lopalco hanno affermato che la seconda fase che riguarda gli ultra ’80 sarebbe iniziata a febbraio al termine di quella per gli operatori sanitari e socio-sanitari delle strutture pubbliche, è da chiedersi che fine abbiano fatto i desiderata della task force di Emiliano”.

Lo dichiara il consigliere regionale della Lega, l’avvocato Joseph Splendido, che con una puntuale interrogazione ha chiesto il conto del piano vaccini, aggiungendo anche altri interrogativi di ordine politico sulle vaccinazioni che in alcuni casi sparuti sono già arrivate alla seconda somministrazione, col richiamo. 

Ecco quanto chiede nel suo atto consiliare il legale salviniano: “Perché alcuni Servizi di pari livello, dell’Asl di Foggia, sono stati vaccinati ed altri no, vista la suddivisione delle priorità di somministrazione del vaccino agli operatori sanitari e socio-sanitari, fatta in base al RISCHIO (alto, medio-alto, medio-basso, basso)? Qual è il piano di suddivisione del Rischio Covid dei servizi territoriali del’ASL di Foggia? Entro quale data si intende completare il piano, al fine di garantire le vaccinazioni anticovid a tutto il personale sanitario e sociosanitario dell’Asl di Foggia, prima di procedere alle successive Fasi con conseguente vaccinazione delle successive Categorie?”

L’interrogazione a risposta scritta e urgente

Joseph SPLENDIDO (LEGA Salvini Puglia) rivolta al Presidente Michele Emiliano ed all’Assessore alla Sanità e al Welfare Pier Luigi Lopalco, con richiesta di risposta scritta, sulla inaccettabile gestione del Piano vaccinale anti-SARS-coV-2/COVID-19 nella Provincia di Foggia.

Tanto premesso ed esposto si rappresenta che:

- Visto il Piano Strategico “Vaccinazione anti-SARS-coV-2/COVID-19, del Ministero della Salute, l’Istituto Superiore della Sanità (ISS) e l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) del 12/12/2020, in cui si identificano gli operatori sanitari e sociosanitari quali categorie da vaccinare in via prioritaria al fine di mantenere la resilienza del Servizio Sanitario, considerato il principio di reciprocità, come dal framework di valori SAGE, quindi rappresentando una priorità assoluta;

- Vista la campagna di ADESIONE AL VACCINO, rivolta esclusivamente al personale sanitario e socio-sanitario, che la Regione Puglia ha avviato sul suo portale invitando a compilare il modello preparato allo scopo di raccogliere le manifestazioni di interesse per ottimizzare l’offerta vaccinale. Adesione aperta il 18/12/2020 e chiusa il 20/12/2020, della quale non si è tenuto conto;

- Visto che la Regione Puglia ha costituito una Cabina di regia per l’attuazione del piano vaccinazione anti-covid chiedendo ai Direttori delle Asl di creare i Nuclei Operativi Aziendali (NOA Covid/Vacc) come da D.G.R. n. 2132 del 22/12/2020;

- Vista la circolare con oggetto: D.G.R. n. 2132 del 22/12/2020 - Circolari prot. AOO/005/0000032 del 04/01/2021 e prot. AOO/005/000066 del 05/01/2021 – Ulteriori indicazioni operative – Rivalutazione del rischio biologico – Categorie target vaccinazione – RICHIAMO.

- Considerato che i servizi sanitari territoriali, al pari degli Ospedalieri sono considerati servizi essenziali e prioritari al fine di proteggere gli operatori e i pazienti dal contagio;

- Considerato che nella Provincia di Foggia sono state effettuate vaccinazioni anti covid ai servizi territoriali “a macchia di leopardo” lasciando scoperti gli operatori di alcuni presidi e ambulatori, delle dipendenze patologiche, della salute mentale, dei poliambulatori, dei consultori; nonostante le sollecitazioni ai referenti;

- Considerato che sono state somministrate dosi anche al personale amministrativo ed ai lavoratori delle ditte esterne che forniscono beni e servizi per le aziende ospedaliere;

- Considerato che è stata avviata anche la vaccinazione alla Sanità Privata, personale e ospiti RSA e RSSA;

- Considerato che è stato da voi affermato (19/09/2021) che a febbraio inizierà la Fase 2 che riguarda gli ultra ‘80, essendo terminata quella che riguardava gli operatori sanitari e socio-sanitari delle struttre pubbliche;

- Considerato che il Presidente Emiliano afferma, in data 20/01/2021, che il Piano vaccini darà priorità al personale della scuola;

- Considerato il comunicato stampa n.7/2021 Asl Fg inizio somministrazione 2° dose;

- Considerata il taglio della fornitura vaccini della Pfizer di 11.700 dosi.

SI CHIEDE DI INTERROGARE IL PRESIDENTE, DOTT. MICHELE EMILIANO E L’ASSESSORE ALLA SANITA’ E AL WELFARE DELLA REGIONE PUGLIA, PROF. PIER LUIGI LO PALCO, PER SAPERE:

1) Perchè alcuni Servizi di pari livello, dell’Asl di Foggia, sono stati vaccinati ed altri no, vista la suddivisione delle priorità di somministrazione del vaccino agli operatori sanitari e socio-sanitari, fatta in base al RISCHIO (alto, medio-alto, medio-basso, basso) come da circolare con oggetto: D.G.R. n. 2132 del 22/12/2020 - Circolari prot. AOO/005/0000032 del 04/01/2021 e prot. AOO/005/000066 del 05/01/2021 – Ulteriori indicazioni operative – Rivalutazione del rischio biologico – Categorie target vaccinazione – RICHIAMO;

2) il piano di suddivisione del Rischio Covid dei servizi territoriali del’ASL di Foggia;

3) entro quale data si intende completare il piano, al fine di garantire le vaccinazioni anticovid a tutto il personale sanitario e sociosanitario dell’Asl di Foggia, prima di procedere alle successive Fasi con conseguente vaccinazione delle successive Categorie.

Foggia, 20 GENNAIO 2020

Il Consigliere Regionale

Avv. Joseph SPLENDIDO

Un vero e proprio bar “fai da te” con tanto di tavolini, sedie, frigoriferi, patatine, birre di varie marche, tv color e biliardino.
A scoprire la vendita irregolare di cibo e bevande, a seguito dei controlli svolti regolarmente per il contenimento del diffondersi del virus da Covid-19, sono stati i Carabinieri della Stazione di Rignano Garganico i quali hanno contestato una violazione amministrativa al titolare 48enne del luogo per aver avviato un’attività di somministrazione di alimenti e bevande senza autorizzazione.
Il locale risultava totalmente privo della prescritta Segnalazione Certificata di Inizio Attività e della relativa notifica igienico-sanitaria, pertanto a carico del trasgressore veniva elevata sanzione amministrativa per un importo pari a 5.000,00 euro.
Nel corso del controllo venivano sorpresi all’interno del “locale” otto soggetti, alcuni dei quali di San Severo, che venivano tutti sanzionati amministrativamente per la violazione della normativa vigente al contenimento del virus Covid-19, per un totale di euro 2.240,00.
L’esercizio, senza opportuna licenza, ora dovrà rimanere chiuso.

Page 1 of 178
Mons. Vincenzo Pelvi
January 26, 2021

Preoccupazioni per il concorso ordinario degli Idr. Mons.…

in Attualità by Redazione
“Nell'auspicio che qualcosa cambi, ossia che si possa procedere con un concorso straordinario, saremo vicini agli insegnanti di…
Immagine di repertorio
January 26, 2021

Viabilità tra Vico e Ischitella. La Lega scrive all’ANAS e…

in Politica by Redazione
Se dal M5S giunge la notizia che dall’1 febbraio 2021 riapriranno le gallerie fra Vico del Gargano e Ischitella, dalla Lega, in…
January 26, 2021

Maxi operazione antimafia a Palermo. Vari boss…

in Attualità by Redazione
«L’operazione del Comando provinciale dell’Arma dei Carabinieri questa mattina a Palermo, coordinata dalla competente Procura…
January 26, 2021

Rosa Barone (M5S) nuovo assessore regionale al Welfare

in Politica by Redazione
Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha nominato componente della Giunta Regionale la Consigliera Regionale Rosa…
Nella foto il C.te Romeo Delle Noci con L'Isp. Sup. Severina Cavalli
January 26, 2021

Da agente a ispettrice nella Polizia Locale di Foggia.…

in Notizie Capitanata by Redazione
La Polizia Locale di Foggia festeggia Severina Cavalli, per l’attribuzione del grado di Ispettore Superiore da parte del…
Immagine di repertorio
January 26, 2021

Gallerie della superstrada fra Vico del Gargano e…

in Politica by Redazione
On Faro: « Da ANAS risposte concrete alla mia lettera, la politica è utile ai cittadini se risolve i problemi» «Sono abituata ad…
Parco Regionale Borgo Incoronata
January 26, 2021

Foggia. Fatigato e Quarato: «Vas al Parco Incoronata, a che…

in Politica by Redazione
«I cittadini meritano di fruire dell’area protetta». “Nel lontano 2006 la Regione Puglia con la Legge regionale numero 10 normava…
La piccola ebrea Trudy Bandler a Bari
Jan 26, 2021

Giornata della Memoria 2021. La piccola ebrea Trudy Bandler da Praga a Bari …

in Attualità by Redazione
Quando è la storia a impartire lezioni: la testimonianza esclusiva della signora Trudy…
Jan 26, 2021

Splendido (LEGA): «Qual è il piano di suddivisione del Rischio Covid dei…

in Politica by Redazione
“In Provincia di Foggia sono state effettuate vaccinazioni anti covid ai servizi…
Jan 26, 2021

Attività alimentare “fai da te” contro ogni norma e divieti al Covid. A …

in Notizie Gargano by Redazione
Un vero e proprio bar “fai da te” con tanto di tavolini, sedie, frigoriferi, patatine,…
Immagine di repertorio
Jan 26, 2021

Il casello di Canosa finisce in Parlamento. FdI:"quali i motivi della chiusura?…

in Politica by Redazione
«Le ragioni del provvedimento di chiusura del casello autostradale di Canosa, dal 19…
Jan 26, 2021

Un gesto onesto e educativo. Uomo trova portafoglio e lo restituisce attraverso…

in Notizie Capitanata by Redazione
Un uomo originario della provincia di Potenza ha trovato in Piazza Umbero Giordano un…

banner eventi

Top
Этот шаблон Joomla был скачан с сайта ДжуМикс.