Viaggio nell’Italia virtuosa. Il villaggio rupestre di Lama D’Antico

fonte: fondoambiente.it

Continua il viaggio nell’Italia virtuosa di Giuliano Volpe. Nella sesta tappa ci accompagna in un contesto rupestre di straordinaria qualità paesaggistica e cultura: il villaggio medievale di Lama D’Antico, nel territorio di Fasano in Puglia.

In Puglia, dove da alcuni anni anche il FAI ha un sito recuperato e gestito meravigliosamente, l’Abbazia di Santa Maria di Cerrate, assolutamente da non perdere, sono presenti anche varie altre interessanti realtà di gestione “dal basso” del patrimonio culturale. Ne segnalo una in un contesto rupestre di straordinaria qualità paesaggistica e cultura, il villaggio medievale di Lama D’Antico, nel territorio di Fasano.

Com’è noto il paesaggio pugliese è attraversato dalle “lame”, caratteristici solchi fluviali. Una di queste è appunto Lama D’Antico, un ecosistema di grande pregio anche sotto il profilo vegetale, con meravigliose espressioni della macchia mediterranea (lentisco, anagiride, capperi, ecc.), in una campagna dominata da ulivi secolari, denso di storia, grazie a un sistema di grotte abitate in particolare in età medievale, come espressione di un diverso modo di vivere, lavorare, pregare.

Il villaggio, una delle manifestazioni più monumentali dell’habitat rupestre, è ora ben attrezzato come parco archeologico (con centro informazioni, visite guidate, servizi, area pic-nic, parcheggi) e consente di effettuare un vero e proprio viaggio nel Medioevo, tra le varie espressioni della vita quotidiana, nelle abitazioni, nelle grotte laboratorio, nelle stalle, nelle chiese.

Il fulcro del villaggio rupestre è la chiesa di Lama d'Antico, una delle più grandi della Puglia. Monumentale nelle dimensioni e dotata di un pregevole apparato architettonico e pittorico, con chiari influssi orientali, è articolata in due navate. Tutta la chiesa doveva essere in origine affrescata, come documentano i tanti resti, tra cui si segnala la straordinaria immagine nell’abside con la Maiestas Domini, con il Cristo racchiuso in un ovale e ai lati i simboli degli evangelisti, San Giovanni Battista e la Madonna con il Bambino.

Non meno interessanti sono le grotte adibite ad abitazioni o a opifici, articolate in vari vani, ricche di tracce e segni lasciati nel corso del tempo da chi in queste dimore ha vissuto, dormito, lavorato, animando la vita e l’economia del villaggio con derrate alimentari (come dimostrano anche i resti di torchi e vasche di decantazione dell’olio) o manufatti artigianali.

Chiesa Lama D'Antico

Chiesa Lama D'Antico | fonte: fondoambiente.it

Altre chiese rupestri sono quella di San Giovanni, che conserva l'antica iconostasi e straordinari cicli pittorici, con la raffigurazione di santi, e quella di San Lorenzo, uno spazio sacro dalle coloratissime decorazioni pittoriche in cui l’architettura scavata nella roccia si modella ancor di più in funzione della liturgia.

Questo complesso, di proprietà del Comune di Fasano, è ora gestito dalla Fondazione San Domenico, una benemerita istituzione nata per sostenere la ricerca, la tutela e la valorizzazione degli insediamenti rupestri nei territori di Fasano e Monopoli, e dalla cooperativa ARS. Un esempio significativo di gestione con il coinvolgimento di alcune delle espressioni migliori della società, degli studi, dell’associazionismo, dell’imprenditoria pugliese.

CLICCA QUI E SCOPRI IL VIAGGIO NELL'ITALIA VIRTUOSA DI GIULIANO VOLPE

 

Read 395 times
Share this article

About author

Redazione

FABS2022 long animate

 

Top
Save
Cookies user preferences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline
Marketing
Set of techniques which have for object the commercial strategy and in particular the market study.
Facebook
Accept
Decline
Unknown
Unknown
Accept
Decline