Notice: Undefined property: stdClass::$imageXLarge in /web/htdocs/www.newsgargano.com/home/modules/mod_vina_camera_slider_k2/tmpl/default.php on line 45

Notice: Undefined property: stdClass::$imageXLarge in /web/htdocs/www.newsgargano.com/home/modules/mod_vina_camera_slider_k2/tmpl/default.php on line 45

Notice: Undefined property: stdClass::$imageXLarge in /web/htdocs/www.newsgargano.com/home/modules/mod_vina_camera_slider_k2/tmpl/default.php on line 45

Notice: Undefined property: stdClass::$imageXLarge in /web/htdocs/www.newsgargano.com/home/modules/mod_vina_camera_slider_k2/tmpl/default.php on line 45

Notice: Undefined property: stdClass::$imageXLarge in /web/htdocs/www.newsgargano.com/home/modules/mod_vina_camera_slider_k2/tmpl/default.php on line 45

Notice: Undefined property: stdClass::$imageXLarge in /web/htdocs/www.newsgargano.com/home/modules/mod_vina_camera_slider_k2/tmpl/default.php on line 45

Notice: Undefined property: stdClass::$imageXLarge in /web/htdocs/www.newsgargano.com/home/modules/mod_vina_camera_slider_k2/tmpl/default.php on line 45

Notice: Undefined property: stdClass::$imageXLarge in /web/htdocs/www.newsgargano.com/home/modules/mod_vina_camera_slider_k2/tmpl/default.php on line 45

Notice: Undefined property: stdClass::$imageXLarge in /web/htdocs/www.newsgargano.com/home/modules/mod_vina_camera_slider_k2/tmpl/default.php on line 45

Notice: Undefined property: stdClass::$imageXLarge in /web/htdocs/www.newsgargano.com/home/modules/mod_vina_camera_slider_k2/tmpl/default.php on line 45
Le “cianfrusaglie” di Casa Arbore a Palazzo Dogana. La lettera aperta del prof. Pasquale Episcopo

#contrappunti

Pubblicata su Facebook il 1° aprile 2023, ma ripresa da pochissimi media, la “Lettera aperta al Maestro Renzo Arbore” scritta dal prof. Pasquale Episcopo ha in seno argomenti validi per una sana discussione affinché “Casa Arbore e le sue cianfrusaglie” abbiano altra destinazione. L’Ente Provincia ha deciso che sarà una sala di Palazzo Dogana a conservare i ricordi di una vita di Renzo Arbore, ovviamente con un progetto artistico-culturale a supporto. Tuttavia molti concittadini dell’eccentrico foggiano Arbore, napoletano d’adozione, hanno un’altra idea, dividendosi, finanche tra chi è del mondo culturale e mediatico. I media, purtroppo, non hanno ripreso appieno l’appello del prof. Episcopo, che merita attenzione e profonda riflessione sulla valenza delle “cianfrusaglie” di Renzo Arbore. A distanza di due mesi e visto che nessuno ha voluto divulgare un libero pensiero, oggi lo proponiamo. È la prerogativa del giornalismo, quello libero. [ndr.]

«Gentile Dott. Arbore,

questa lettera è un appello alla Sua sensibilità di foggiano e uomo di cultura.

Con essa Le rivolgo la preghiera di riconsiderare il progetto di realizzazione di “Casa Arbore” a Palazzo Dogana e di chiedere alle istituzioni pugliesi (Regione, Provincia, Comune) che venga individuata una diversa sede per gli oggetti della Sua collezione permettendo, in tal modo, che l’edificio storico più rappresentativo di Foggia sia utilizzabile per impieghi più direttamente legati alla storia della città e che possano contribuire alla sua ripartenza dopo la crisi sociale e istituzionale che l’ha colpita relegandola agli ultimi posti, per qualità della vita, in molte graduatorie nazionali.

Gli oggetti della Sua collezione privata, tra cui capi di abbigliamento (costumi, gilet, cappelli, cravatte) e cimeli di plastica (borse, occhiali, bigiotteria e oggetti cult) che Lei stesso chiama “cianfrusaglie”, non hanno alcun legame con la storia della città di Foggia e non andrebbero collocati nel suo edificio storico più rappresentativo. Tra gli impieghi ipotizzabili per Palazzo Dogana ci sarebbe quello di destinare parte delle sue sale e dei suoi spazi alla realizzazione di un Museo della Transumanza o un Museo Federiciano o entrambi.

Come Lei sa Federico II di Svevia visse e governò a Foggia per oltre un quarto di secolo, dal 1221 al 1250, ancorché in maniera discontinua. A differenza di quanto accaduto in altre zone della Puglia, Foggia fino ad oggi non è stata in grado di valorizzare adeguatamente l’immagine del personaggio più famoso del Medioevo facendone punto di forza della sua identità storica, ponendola alla base di iniziative per la promozione culturale, sociale ed economica della città e dell’intero territorio. A causare questo stato di cose ha contribuito certamente il destino infausto che ha avuto il Palazzo imperiale, scomparso nel nulla. A tale sorte si è aggiunta una poco lungimirante amministrazione della città che, con scelte sbagliate o, semplicemente, mancate, ha contribuito alla “damnatio memoriae” che, obliando il passato, ne ha minato il futuro.

Tra le cose che sono mancate a Foggia, negli ultimi decenni in particolare, c’è a mio avviso anche l’aiuto di un illustre foggiano disposto “a metterci il nome e la faccia”, ovvero a spendersi personalmente per la valorizzazione della città. Lei queste qualità le avrebbe, ma non vive a Foggia.

Ma allora perché non provare a reindirizzare l’iniziativa “Casa Arbore” lasciando che gli spazi ad essa destinati vengano utilizzati per finalità di valorizzazione dell’identità storica e culturale della città che Le ha dato i natali? Perché non offrire alla Sua città un aiuto più grande, più bello e più forte, più nobile e generoso, quello di essere Lei stesso patrocinatore di un Museo Federiciano da realizzarsi a Palazzo Dogana nella prospettiva di un ritorno alla normalità con l’elezione di un nuovo Sindaco? Le dico questo perché le delibere di Provincia e Regione che hanno approvato “Casa Arbore” hanno avuto luogo con il Comune di Foggia sotto commissariamento, dunque privo della propria identità rappresentativa. Ripeto, non Le chiedo di rinunciare a “Casa Arbore”. A Foggia ci sono certamente posti più adatti dove poter collocare la Sua collezione. Mi risulta che, prima del commissariamento, l’Amministrazione comunale Le aveva offerto la Pinacoteca 900.

Il patrocinio di un Museo Federiciano sarebbe il più bel regalo che Lei potrebbe fare ai foggiani perché contribuirebbe a ricostruirne l’identità culturale. Il regalo riguarderebbe soprattutto i più giovani e i giovanissimi. Conoscere la storia della propria città li aiuterà ad amarla, magari a non lasciarla quando saranno adulti. I foggiani hanno bisogno di riconciliarsi con se stessi, di diventare orgogliosi di se stessi e della propria storia. Con Federico II la grande storia universale è passata da Foggia facendo della città e dell’intera Capitanata il centro del mondo che allora contava.

A Jesi, dove Federico II vide la luce il 26 dicembre 1194 e dove da neonato non trascorse che pochi giorni, pochi anni fa è stato realizzato il primo museo interamente dedicato al grande personaggio storico. L’ho visitato e ne sono rimasto entusiasta. Il Museo “Federico II Stupor Mundi” non ha reperti storici originali: è stato concepito con pannelli, ricostruzioni, proiezioni, scenografie e installazioni virtuali grazie alle quali si raccontano passaggi salienti della vita pubblica e privata di Federico II. L’inaugurazione è avvenuta il 1° luglio 2017 ad opera della Fondazione Marche e alla volontà, in particolare, dell’Ing. Gennario Pieralisi, Cavaliere del Lavoro e imprenditore dell’agro-alimentare, che l’ha voluto “per amore verso la sua città” finanziandolo con un milione di euro.

Dott. Arbore,

non Le sto chiedendo di mettere mano al portafogli. Se Le racconto questi particolari è perché è questa, a mio modesto avviso, la via da seguire: una “best practice” attuata con successo solo pochi anni fa. Nei primi sei mesi il museo jesino ha avuto “15.000 visitatori paganti” che hanno contribuito a sostenere l’economia della cittadina marchigiana. Questo numero è stato reso noto dalla Prof.ssa Anna Laura Trombetti Budriesi dell’Università di Bologna, curatrice scientifica dell’allestimento, in un’intervista, disponibile su YouTube, effettuata nel gennaio 2018 in occasione della presentazione del museo a Stoccarda, capitale del Land del Baden- Württemberg, nel cuore dell’antica Svevia. L’organizzazione dell’evento venne curata dall’Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda e dalla Regione Marche con la collaborazione di Comune di Jesi e della Fondazione Federico II di Hohenstaufen. Circa duecento cittadini parteciparono alla presentazione. In quell’occasione il vicesindaco e assessore alla cultura di Jesi Luca Butini sottolineò le potenzialità del Museo Federico II Stupor Mundi quale contributo all’offerta turistica della città marchigiana.

La presentazione del museo di Jesi a Stoccarda è stato un modo efficace di fare squadra tra i rappresentanti delle istituzioni locali e quelli della cultura (e tra parentesi aggiungo che la Prof.ssa Trombetti Budriesi nel 2000, illustre studiosa dello Svevo, ha pubblicato l’edizione, in latino e in italiano, del De Arte Venandi cum Avibus, il trattato di falconeria al quale Federico II si dedico dal 1221 al 1250 (Stürner), dunque certamente anche a Foggia, nel parco dell’uccellagione ubicato tra il Pantano e San Lorenzo in Carminiano, dove l’Imperatore aveva una seconda residenza).

Perché dunque non realizzare anche a Foggia, che fu sede preferita dell’Imperatore, un Museo Federiciano?

Federico II di Svevia scelse Foggia per farne “REGALIS SEDES INCLITA IMPERIALIS”, capitale del Sacro Romano Impero e del Regno di Sicilia. Fu nel palazzo imperiale di Foggia che venne concepito il Liber Augustalis, poi promulgato a Melfi, che sarebbe rimasto in vigore per i sei secoli successivi. Definito “monumento giuridico” della storia del diritto e rimasto in vigore fino al 1819, alla sua stesura contribuirono i giuristi più eruditi e raffinati dell’epoca guidati dal protonotario Pier della Vigna, capo della cancelleria imperiale. Fu da quel palazzo che partirono ordini, mandati, privilegi e lettere destinati a papi, re e dignitari d’Europa. Fu nel Palazzo di Foggia che l’Imperatrice Isabella d’Inghilterra trascorse gli ultimi anni della sua vita e vi morì, il 1. dicembre del 1241. Era sorella del Re Enrico III d’Inghilterra, figlia di Re Giovanni Senza Terra, il Sovrano che sottoscrisse la Magna Carta, ma Foggia non le ha dedicato nemmeno una strada. Fu tra i letterati che animavano la vita di corte di quel palazzo che la lingua italiana fece i suoi primi timidi passi, con la cosiddetta Scuola Siciliana, tra essi Jacopo da Lentini, l’inventore del sonetto. Fu intorno alla corte foggiana che si raccolse una fitta schiera di artisti e scultori, in primis Nicola di Bartolomeo da Foggia poi detto “Pisano”, che avrebbero influenzato l’arte e l’architettura nell’intero Regno e nel resto d’Italia.

Con loro Foggia diventò città d’arte di primaria importanza. Ho già menzionato il Parco dell’Uccellagione, dove Federico osservò e studiò moltitudini di volatili, e il suo “De Arte venandi cum Avibus” un libro che a tutt’oggi è considerato pietra miliare del metodo scientifico. “In questo libro di falconeria vogliamo descrivere le cose che sono, come sono” queste le parole del suo illustre autore. Il libro ci è pervenuto in una trascrizione attribuita a Manfredi corredata da miniature bellissime che ne fanno un inno al creato. Otto secoli fa Federico fu un ambientalista “ante litteram” ed oggi più che mai dovrebbe essere ricordato e studiato per la sua attualità dirompente.

Ebbene tutto ciò, e molto altro, può essere ricostruito, a Foggia, in un Museo Federiciano che rappresenti punto di attrazione nazionale e internazionale della città, della provincia e dell’intera Puglia. Oggi che Foggia dispone nuovamente dell’Aeroporto Gino Lisa, il museo può diventare punto di partenza per un turismo colto, anche internazionale, diretto alle diverse località federiciane dei dintorni, da Lucera a Castel del Monte, da Troia a Monte Sant’Angelo e, non da ultimo, Castel Fiorentino, luogo di morte dell’Imperatore, sito archeologico di grandi potenzialità, vera miniera d’oro a cielo aperto che attende solo di poter promuovere cultura e produrre ricchezza.

Dott. Arbore,

preso dalla foga della scrittura non mi sono ancora presentato e me ne scuso. Alcune brevi informazioni sulla mia persona le ho messe in Post Scriptum. Ma non è importante chi sono, importante è la preghiera che Le rivolgo.

Spero che vorrà apprezzare e accogliere le parole di uno che, come Lei, ha lasciato Foggia e che, come Lei, non ha dimenticato quella città sfortunata. Amo Foggia e ne desidero il riscatto. La nostra è una città che ha subito tante disgrazie, tante privazioni, tante ferite. A quelle sventure si sono aggiunte, recentemente, umiliazioni che non meritano neppure di essere menzionate. Con il Suo patrocinio e con l’accordo della Provincia e della Regione, Palazzo Dogana può diventare il fulcro della rinascita della città basata sulla sua identità storica e culturale.

Un altro museo che, a pieno titolo, potrebbe essere ubicato a Palazzo Dogana sarebbe quello della transumanza. In Capitanata la pratica della transumanza delle greggi è attestata fin dall’epoca romana repubblicana. Fu certamente in uso in epoca normanna, sveva e angioina. La Regia Dogana della “Mena delle pecore” ebbe il suo atto di fondazione in un Privilegio di Re Alfonso d’Aragona del 1447. Con esso la rete di sentieri percorsi dai pastori assurse a struttura demaniale vitale per lo sviluppo dell’economia in ben cinque regioni meridionali, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Basilicata. Per secoli Foggia è stata crocevia di “tratturi, tratturelli, bracci e riposi” che formavano una fitta rete di 3000 chilometri ed oltre. Milioni di pecore svernavano in pianura per poi ritornare sui monti in primavera. In un tempo in cui si parla sempre più spesso di salvaguardia ambientale e sviluppo sostenibile, un museo della transumanza contribuirebbe a ricostruire l’identità culturale di un territorio che su quella pratica, come anche sull’agricoltura e in primis sulla coltivazione del grano, ha basato per secoli la fonte del suo sviluppo sociale ed economico.

Infine a Palazzo Dogana potrebbe avere sede un Ufficio del Turismo, degno di questo nome, che lavori in sinergia con quelli, già esistenti, della provincia.

Dott. Arbore,

Lei è un uomo di spettacolo e certamente sa quanto oggi i cosiddetti “Social” siano diventati importanti nella comunicazione tra i cittadini, a volte anche tra i cittadini e i vip della politica, della cultura, dello spettacolo. Anch’io ho una pagina Facebook. Da circa tre anni la dedico esclusivamente ai miei contatti “foggiani”. I miei post riguardano Foggia e la sua storia, in particolare quella legata a Federico II di Svevia. Nel maggio 2022, dopo aver appreso della delibera della Provincia, ho scritto su “Casa Arbore” dicendo quello che penso. Oltre duecento persone hanno sostenuto il mio punto di vista.

Dopo la pubblicazione (ottobre 2022), della Deliberazione della Regione Puglia afferente alla realizzazione di “Casa Arbore” a Palazzo Dogana, ho scritto al Presidente Michele Emiliano una lunga lettera chiedendo di sottoporre il progetto a revisione al fine di individuare una sede diversa e più idonea. La lettera, datata 23 gennaio 2023, l’ho inviata, per conoscenza, anche ad alcuni giornali, a molte istituzioni e associazioni culturali locali, a singole persone impegnate nella cultura. Anche in questo caso ho ottenuto diverse manifestazioni di sostegno. Non sono dunque il solo, a Foggia, a pensare che “Casa Arbore” non vada collocata a Palazzo Dogana. Anche la stampa ne ha parlato.

Se Lei accettasse sarei onorato e felice di incontrarLa, a Roma o dovunque preferisce. Lo dico senza arroganza, semmai con umiltà. Non è “Casa Arbore” ad essere oggetto di discussione, ma la sua collocazione.

Un Suo autorevole intervento potrebbe riportare le cose sui giusti binari individuando un’altra sede per la Sua collezione. L’annuncio di un Museo Federiciano a Palazzo Dogana da Lei patrocinato e quello di “Casa Arbore” in una diversa sede potrebbe essere il segnale che la città attende per la sua rinascita a partire dalla cultura. Poi ci sarà bisogno di un gran lavoro di squadra, da fare tutti insieme - ripeto: TUTTI INSIEME - quando Foggia avrà un nuovo governo liberamente scelto dai suoi cittadini.

Detto, in tutta sincerità, da un foggiano come Lei che, come Lei, ama la propria città natale.

Con distinti saluti».

Chi è il prof. Pasquale Episcopo.

Foggiano di nascita, ex-Ufficiale dell’Aeronautica, da 30 anni vive a Monaco di Baviera dove lavora come docente di italiano, lingua e cultura. Dal 1993 è giornalista iscritto all’albo pubblicisti del Lazio. E' membro della Società di Storia Patria per la Puglia e della Società di Storia degli Staufer con sede a Göppingen, città gemellata con Foggia dal 1971. E' stato il promotore del convegno internazionale (18 - 20 nov. 2021, Unifg), dedicato a Federico II di Svevia in occasione dell’VIII centenario del suo arrivo in Capitanata. Al convegno ha presentato una relazione sui Diplomi emanati dallo Svevo a Foggia e in Capitanata. Inoltre, è stato il promotore della Stele di Foggia, monumento alla memoria di Federico II. Il monumento è oggetto di donazione da parte del Prof. Johann Heinrich von Stein, economista di Stoccarda appassionato cultore di Federico II nonché iniziatore del progetto delle “Stauferstele” che dall’anno 2000 ha visto la collocazione di 39 monumenti in 6 paesi europei. Il professore, a cui lo lega un sentimento di profonda amicizia nel nome di Federico II von Hohenstaufen, cui sostiene che Foggia è il luogo che più di ogni altro merita il memoriale. A causa della crisi istituzionale, la collocazione e l’inaugurazione sono state rimandate a data da stabilirsi. In qualità di ex-Ufficiale, il 27 ottobre 2022 c/o Unifg, ha partecipato al convegno per il Centenario dell’Aeronautica con una relazione sui bombardamenti del 1943 e sul contributo della Regia Aeronautica combelligerante alla guerra di liberazione in Capitanata. Altra pagina importante, drammatica e gloriosa al tempo stesso, della grande storia di Foggia.

Share this article

About author

Redazione
Dicembre 27, 2023 955

Una notte tutta rock a Monte Sant’Angelo

in Attualità by Redazione
Musica per tutti i giovani e simpatizzanti del rock, quella proposta nella "Notte dei rocker viventi" il 30 dicembre 2023,…
Dicembre 27, 2023 802

Incidenti stradali 2023 in Puglia. Per la prima volta non…

in Attualità by Redazione
Il punto semestrale del Cremss-Asset: nei primi sei mesi del 2023 dati in linea con quelli del 2022. In totale 4.344 sinistri con…
Dicembre 27, 2023 673

La pace con un concerto natalizio ad Andria

in Attualità by Redazione
La consigliera delegata alle Politiche Culturali Grazia Di Bari invita al Concerto di Natale per la Pace dell’Orchestra da Camera…
Dicembre 27, 2023 632

La lunga attesa dei minori negli hotspot del sud Italia.…

in Attualità by Redazione
Novantasei giorni, tanto è passato dal momento in cui J., minore straniero non accompagnato di 16 anni, di origini camerunensi,…
Dicembre 27, 2023 788

“Un’opera strategica per lo sviluppo del Gargano”.…

in Notizie Gargano by Redazione
Aggiudicato da Anas l’appalto denominato “S.S. 89 Garganica – Lavori di realizzazione della viabilità di San Giovanni Rotondo e…
Dicembre 27, 2023 661

Foggia. Dopo l’era commissariale la prima seduta cittadina…

in Politica by Redazione
Erano due anni che al Comune di Foggia non si celebrava il Consiglio comunale. Il primo, del tutto dovuto per ufficializzare la…
Dicembre 27, 2023 956

Al Giordano riparte la cultura. Stagione teatrale colma di…

in Cronaca Gargano e Capitanata by Redazione
«Una stagione teatrale allestita in tempi strettissimi, grazie all'impegno dell'ufficio cultura, alla collaborazione del Teatro…
Dicembre 27, 2023 701

Derby Taranto- Foggia e incendio allo Iacovone. Domiciliari…

in Notizie Capitanata by Redazione
Era il 03 settembre 2023, quando il Foggia nella sua prima partita di campionato di Lega Pro, girone C, allo stadio Iacovone uscì…
Dicembre 27, 2023 663

Comune di Foggia, sede via Gramsci. Contenzioso chiuso e lo…

in Notizie Capitanata by Redazione
fonte: Comune di Foggia. De Santis ed Emanuele: “Accogliamo questa sentenza con grande soddisfazione”. Vittoria del Comune di…
Dicembre 27, 2023 591

Sanità pediatrica. Crisi al Giovanni XXIII di Bari. Azione:…

in Attualità by Redazione
“L’ospedale pediatrico Giovanni XXIII è in grave crisi, per cui è l’ora di una vigorosa iniziativa riformatrice, per agganciarlo…
Dicembre 26, 2023 905

Monte Sant’Angelo splende con Madame Opera, regina degli…

in Notizie Gargano by Redazione
Saranno due serate all’insegna di colori e luci, musica e spettacolo, e tanto divertimento, con un evento eccezionale che a…
Dicembre 26, 2023 974

Una “prima fotografica” molto solidale. “Diversa-mente…

in Cronaca Gargano e Capitanata by Redazione
Quella del 06 dicembre 2023 è stata la prima serata di “Diversa-mente Insieme”, corso dedicato alla fotografia con obiettivo…
Dicembre 26, 2023 949

La Sindaca abbellisce, il cittadino sfregia. I fiori…

in Notizie Capitanata by Redazione
Due casi similari di estirpazione di fiori natalizi nel centro cittadino. E tutte e due per mano di cittadini, contravvenendo sia…
Dicembre 24, 2023 1047

Da Foggia al Gargano passando per gli States. Le opere di…

in Cronaca Gargano e Capitanata by Redazione
Lo avevamo già conosciuto su questa testata giornalistica, e continueremo a farlo perché l’arte “Made in Capitanata” va diffusa,…
Dicembre 23, 2023 1005

Foggia, Natale 2023. Viabilità urbana del 24 dicembre

in Notizie Capitanata by Redazione
I provvedimenti riguardano la circolazione per il 24 dicembre 2023 dalle ore 09:00 alle ore 21:00. Nella Città di Foggia, come da…
Dicembre 23, 2023 679

Rispetta la natura. Il decalogo natalizio di Plastic Free

in Attualità by Redazione
Luci, decorazioni, riunioni di famiglia con pranzi e cene di rito ma soprattutto regali. Le festività natalizie oltre ai nobili…
Dicembre 23, 2023 815

Oltre 2000 ordinanze questorili in Capitanata. Il…

in Cronaca Gargano e Capitanata by Redazione
La Polizia di Stato di Foggia nell’anno 2023, nell’ambito della pianificazione e predisposizione di specifici servizi volti alla…
Dicembre 23, 2023 624

Fuochi d’artificio illegali e merce varia sequestrati a…

in Notizie Gargano by Redazione
Sono oltre 50.000 gli articoli natalizi pericolosi sequestrati, unitamente a circa 5.500 fuochi d’artificio, dai finanzieri della…
Dicembre 23, 2023 799

Rocambolesco inseguimento a Pesaro di un corriere della…

in Attualità by Redazione
fonte: NOCPress. Si ferma all’ALT della Polizia, fugge e dopo un rocambolesco inseguimento di circa 2 km si schianta contro…
Dicembre 22, 2023 631

"Gli Amici di San Pio" a Natale all'Angelo Blu, al fianco…

in Attualità by Redazione
Un abbraccio per trasferire calore ed emozioni anche se non si saprà mai cosa provocherà in chi lo riceverà… Natale è vicino, ma…
Dic 22, 2023 682

Tony di Corcia e il mito di Mina, le sue canzoni per dire la vita

in Attualità by Redazione
Mercoledì 27 dicembre, ore 18, nella Sala Fedora del Teatro U. Giordano di Foggia.…
Dic 22, 2023 596

“Spinnaker”, l’operazione contro l’attività illegale della pesca della Guardia…

in Notizie Gargano by Redazione
La Guardia Costiera conferma il proprio impegno - in dipendenza funzionale dal Ministero…
Dic 22, 2023 898

Vito Rubino, il triatleta che esalta il Gargano

in Attualità by a cura di Matteo Simone, Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR
L'estate sembra essere un buon periodo per trascorrere alcuni giorni in Puglia,…
Dic 22, 2023 740

Foggia. Al Gino Lisa stanziati 10 milioni di euro a sostegno del regime SIEG

in Politica by Redazione
Sull’aeroporto “Gino Lisa” di Foggia la Regione Puglia moltiplica i suoi impegni,…
Dic 22, 2023 793

Foggia, concittadini emigrati che rientrano. Accolti da Italia del Meridione…

in Politica by Redazione
Le segreterie cittadine e provinciali di IdM, unitamente alla rappresentanza consiliare…
Dic 22, 2023 760

A Roseto Valfortore il Centro territoriale di prima accoglienza della fauna…

in Notizie Capitanata by Redazione
Con l’approvazione della convenzione tra la Regione Puglia e il comune di Roseto…
Dic 22, 2023 569

Viabilità Capitanata. Traffico alternato sulla SP5 al km 1+095 per lavori

in Notizie Capitanata by Redazione
Il Dirigente del Settore Viabilità della Provincia, ing. Luciano Follieri con Ordinanza…
Dic 22, 2023 860

Da Caravaggio a José de Ribera. Monte urge di una Pinacoteca o un Museo d’Arte

in Cultura by a cura del prof. Giuseppe Piemontese, storico locale della “Società di Storia Patria per la Puglia
La presentazione dell’ultima edizione del libro di Michele Cuppone su “Caravaggio, la…
Dic 22, 2023 674

San Severo è Capitale Italiana della Gentilezza 2024

in Notizie Capitanata by Redazione
E’ avvenuto il 17 dicembre 2023 a Novara, in Piemonte, in maniera ufficiale, il passaggio…
Dic 22, 2023 680

Di che pasta siamo fatti? Dagli spaghetti ai fusilli l’Unione Italiana Food…

in Cronaca Gargano e Capitanata by Redazione
Un'indagine Nielsen rivela le preferenze degli italiani in fatto di pasta. Nella…
Dic 22, 2023 760

Donatori sangue, la Regione Puglia firma convenzione con associazioni e…

in Cronaca Gargano e Capitanata by Redazione
Nella giornata odierna il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha…
Dic 22, 2023 594

Puglia, Servizio Civile. Ammessi i progetti Anci per 446 giovani volontari…

in Cronaca Gargano e Capitanata by Redazione
Con la pubblicazione odierna da parte del Dipartimento Politiche giovanili e SCU del…

BANNER 2   News Gargano 1150x290

FABS2022 long animate

 

 

Top
Этот шаблон Joomla был скачан с сайта ДжуМикс.