San Severo. San Bernardino. Dopo Brumotti scoperti altri edifici abusivi, sede di spaccio di droga e illeciti vari

Nella mattinata odierna, la Polizia di Stato in collaborazione con la Polizia Locale di San Severo, ha eseguito un Decreto di Sequestro Preventivo, emesso dal GIP presso il Tribunale di Foggia, riguardante 21 immobili abusivi realizzati in una zona del comune di San Severo in provincia di Foggia.

Il provvedimento è scaturito da un’attività d’indagine espletata dalla Squadra Mobile della Questura di Foggia, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, che coinvolto 14 persone sottoposte alle indagini preliminari in relazione al reato di occupazione abusiva  di suolo pubblico.

L’odierna operazione si inserisce nell’ambito delle attività investigative che hanno dato origine alle maxi operazioni Troy e Troy 2, concluse dalla Polizia di Stato negli scorsi mesi di ottobre e novembre, ove emergeva un’attività di traffico illecito di sostanze stupefacenti, che sarebbe stata gestita con una organizzazione simile a quella delle comuni e lecite  attività commerciali ed operante nelle 13 piazze di spaccio individuate e smantellate nei diversi quartieri popolari del comune di San Severo.

In particolare, alcune di esse sarebbero state realizzate all’interno di abitazioni, spesso abitate anche da minori di anni 10, dinanzi ai quali si sarebbero concretizzate diverse condotte di spaccio, mentre altre sarebbero state organizzate in illeciti coffee shop, in cui gli assuntori avrebbero avuto la possibilità di consumare la sostanza stupefacente di volta in volta acquistata.

Tra i manufatti abusivi sottoposti oggi a sequestro preventivo, ci sarebbero alcuni destinati proprio all’attività di spaccio. 

Le indagini hanno riguardato una prima serie di fabbricati costruiti su suolo pubblico, di proprietà del Ministero dei Lavori Pubblici – Provveditorato di Bari, in assenza dei prescritti titoli autorizzativi e senza agibilità nel quale maturò, lo scorso 5 ottobre 2021, l’aggressione alla troupe televisiva di “Striscia la notizia”, trattandosi della medesima area in cui il giornalista BRUMOTTI Vittorio era stato inviato, insieme ad altri due operatori, per documentare le attività di spaccio di stupefacenti.

Pertanto, attraverso gli accertamenti espletati congiuntamente alla Polizia Locale di San Severo è emerso che i 14 soggetti avrebbero realizzato opere abusive murarie destinate al ricovero/deposito di mezzi o, in alcuni casi, allo smercio di sostanza stupefacente, invadendo il terreno pubblico oggetto di indagine e traendone profitto.

Infatti, tramite suddetti accertamenti, emergeva una trasformazione urbanistica dell’area ed una concreta alterazione dell’originaria destinazione d’uso dovuta all’occupazione, per fini privati, di spazi pubblici che potevano essere destinati a beni di pubblica utilità.

D’altronde, era già emerso durante le precedenti attività d’indagine condotte dalla Polizia di Stato che alcune aree urbane del Comune di San Severo, composte da un agglomerato di edifici popolari e manufatti abusivi, sarebbero diventate il punto di riferimento di assuntori, che si sarebbero diretti in quell’area, a qualsiasi ora del giorno, a piedi e/o con veicoli, per acquistare dal pusher di turno la sostanza stupefacente.

Anzi, proprio in considerazione delle condizioni logistiche e ambientali, costituite da un dedalo di strade difficilmente accessibili agli operatori di Polizia e caratterizzate da un diffuso abusivismo edilizio tale da renderlo solo parzialmente aggredibile attraverso presidi tecnici del tipo video-sorveglianza, aveva indotto lo scorso anno l’Autorità Giudiziaria a valutare positivamente l’opportunità di procedere con un’operazione speciale sotto copertura, così da affiancare alle tradizionali attività d’indagine il delicato compito e la preziosa collaborazione di alcuni operatori undercover del Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine, per acquisire elementi probatori nei confronti dei sospettati pushers che svolgono l’illecita attività di spaccio.

Il procedimento pende nella fase delle indagini preliminari.

Va precisato che la posizione delle persone coinvolte nelle predette operazioni di polizia è al vaglio dell’Autorità Giudiziaria e che le stesse non possono essere considerate colpevoli sino alla eventuale pronunzia di una sentenza di condanna definitiva.

Read 512 times Last modified on Giovedì, 29 Giugno 2023 18:22
Share this article

About author

Redazione

BANNER 2   News Gargano 1150x290

FABS2022 long animate

 

 

Top
Этот шаблон Joomla был скачан с сайта ДжуМикс.