Laguna di Varano. Immediatezza, responsabilità e vederci chiaro, le posizioni di alcuni Consiglieri regionali

Sulle vicende della laguna di Varano, anche dopo le prese di posizioni di vari amministratori, le precisazioni dell'Ente Parco del Gargano e dopo le prime denunce pubblche di politici locali, entrano a gran voce quelle di alcuni Consiglieri regionali, che chiedono immediatezza nel risolvere i problemi, trasparenza nelle pratiche da adottare e soprattutto responsabilità da prendere.

Lago di Varano, Clemente: «Intrevento immediato, a rischio una intera economia»

"Non è il tempo questo delle recriminazioni e delle accuse istituzionali, il Lago di Varano e tutta la zona lacustre necessitano di un intervento, qualificato come somma urgenza. L'ecosistema del lago costiero va salvato dall'inedia e dall'imperizia se non vogliamo mandare in fumo mesi di lavoro ed investimenti da parte delle aziende del territorio.

Con il divieto temporaneo di balneazione nelle acque della vicina Lido del Sole ricadente nel Comune di Rodi Garganico assistiamo ad una prima esternalità negativa della salute compromessa del lago con il rischio di disdette di turisti e un danno di immagine incalcolabile per il Gargano Nord, che da sempre invece si caratterizza per le sue acque cristalline".

È quanto dichiara il consigliere regionale segretario d'aula Sergio Clemente dopo i fatti di Varano e le proteste vibranti del sindaco di Cagnano Varano.

"Una intera economia fatta anche di eccellenze internazionali come l'allevamento di ostriche o quello di mitili rischia di essere distrutta dai cambiamenti climatici e dai ritardi nel dragaggio dei fondali lacustri", conclude il consigliere.

"Da anni ci sono annunci di valorizzazione del lago di Varano, con lodevoli iniziative di marketing come Lacus la terra dei laghi protagonista alla Bit di Milano, che rischiano di essere vanificate se non si interviene in fretta. Il nostro territorio e i nostri ecosistemi fragili e preziosi meritano attenzione e cura", è il commento di Matteo Iacovelli, commissario provinciale di Azione, che da originario di Cagnano Varano ha a cuore l'incredibile specchio d'acqua ricco di storia e biodiversità

Lago di Varano. Di Bari chiede audizione in V Commissione Ambiente. “Necessaria la massima collaborazione a tutti i livelli”

“Il lago di Varano versa purtroppo da anni in un grave stato di insalubrità. Una questione di cui ci siamo più volte occupati anche nella scorsa legislatura con la collega Rosa Barone e che richiede la massima collaborazione a tutti i livelli per arrivare a una soluzione”. Lo dichiara la consigliera del M5S e delegata regionale alle Politiche Culturali Grazia di Bari che ha chiesto di audire in Commissione Ambiente l’assessora Anna Grazia Maraschio, gli uffici competenti, un rappresentante di ARPA Puglia e i Sindaci dei comuni di Cagnano Varano, Carpino ed Ischitella.

“Parliamo del maggiore lago costiero italiano - continua Di Bari - che dovrebbe essere una risorsa paesaggistica e turistica per l’intero territorio, al contrario di quanto avviene oggi. I canali infatti si presentano ostruiti dalla sabbia e questo impedisce il naturale ricambio d’acqua, causando una ingente moria di pesci. La Regione ha richiesto ad Arpa un monitoraggio di 48 ore dello stato delle acque, di cui chiederemo i risultati in audizione. In quell’occasione auspichiamo un confronto produttivo, alla presenza anche dei consiglieri del territorio, preso atto della disponibilità manifestata dall'assessorato all’Ambiente a coprire i costi di ogni iniziativa opportuna a preservare l’ecosistema lagunare e ripristinare la salubrità del lago. Parliamo di una questione che deve andare oltre l’appartenenza di partito e la polemica politica”.

Stato di salute lago di Varano. De Leonardis: “Anche in questo caso Emiliano, Piemontese e Pentassuglia hanno abbandonato il Gargano”

“Che l’incapacità di governare le politiche in materia di sanità siano una peculiarità del governo Emiliano è cosa nota, così come noti sono i riverberi che si riscontrano quotidianamente sul Gargano in tema di disservizi o assenza totale di questi. Purtroppo, bisogna prendere atto che la strategia dell’abbandono del Gargano da parte di Emiliano si riscontra anche in materia paesaggistica e turistica”. Lo afferma il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Giannicola De Leonardis, che interviene sullo stato di salute del lago di Varano. “Una vicenda rispetto alla quale, di fronte al grido di allarme del sindaco di Cagnano Varano e agli opportuni e dettagliati rilievi dell’Ente Parco del Gargano, che si era mosso per tempo sulla questione senza ricevere risposta alcuna dagli uffici regionali competenti, il governo di centrosinistra non fa altro che praticare lo scaricabarile senza assumersi le proprie responsabilità rispetto al totale disinteresse mostrato nei confronti di questa emergenza. Ennesima dimostrazione di quello che sembra essere quasi un intento persecutorio nei confronti del Gargano in ogni ambito possibile. In questa fattispecie, come da triste e consolidata prassi, si è arrivati all’estate senza che Emiliano, Piemontese e Pentassuglia abbiano mosso un dito nei mesi scorsi verso un’area che pure è di fondamentale importanza, oltre che sul piano turistico e paesaggistico, anche sotto il profilo economico, legato alla pesca. La Regione Puglia metta in campo strategie di interventi risolutivi, senza accusare altri delle proprie inefficienze. Perché è di tutta evidenza che finora, di strategica, c’è stata solo la scientifica assenza di qualsivoglia attenzione nei confronti del Gargano da parte di Emiliano e dei suoi assessori”, conclude De Leonardis.

Read 325 times
Share this article

About author

Redazione

BANNER 2   News Gargano 1150x290

FABS2022 long animate

 

 

Top
Этот шаблон Joomla был скачан с сайта ДжуМикс.